Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 21 Dicembre 2018 13:12
Il concorso

Una passerella da archistar per collegare Buccinasco e Corsico alla MM4 In evidenza

Lanciato un concorso internazionale per la realizzazione del percorso ciclopedonale che permetterà agli abitanti dei due comuni di accedere alla stazione di San Cristoforo

Nell'immagine, il cantiere della linea metropolitana M4 Nell'immagine, il cantiere della linea metropolitana M4

Dovrebbe essere inaugurata nel 2023, in concomitanza con l’apertura della stazione di San Cristoforo, e costerà 14 milioni di euro. È la cifra stanziata dal comune di Milano e MM4 per la realizzazione della passerella ciclopedonale di collegamento tra i quartieri Lorenteggio e Ronchetto sul Naviglio, in via Lodovico il Moro e via Martinelli, al confine con Buccinasco e Corsico.

Bando internazionale

Dovrebbe ottimizzare i benefici legati all’apertura della stazione San Cristoforo della M4 e permettere ai residenti di tutta la zona di utilizzare al meglio le opportunità di mobilità offerte dalla linea metropolitana. Per realizzarla è stato lanciato un bando internazionale che  “individui un progetto innovativo, ambientale e dalla forte identità architettonica” riservato ad architetti ed ingegneri.

Connessione ciclopedonale

Il progetto dovrà comprendere tutte le rampe e i collegamenti verticali, il sistema di illuminazione e dei parapetti, l’ingresso al sottopasso della stazione M4 e la connessione pedonale tra questo e il piano campagna.  La proposta dovrà essere compatibile con l’apertura della stazione metropolitana M4 di San Cristoforo nel 2023, prevedendo quindi un massimo di 18 mesi di lavorazione.

Opera strategica

"La passerella ciclopedonale collegherà il quartiere Giambellino-Lorenteggio ai Navigli e al Parco Sud – hanno dichiarato gli assessori milanesi alla Mobilità Marco Granelli e all'Urbanistica Pierfrancesco Maran -. È strategica per i quartieri che si trovano all'estremità Ovest della nuova linea metropolitana perché consente agli abitanti del quartiere Ronchetto sul Naviglio e di Buccinasco e Corsico di accedere velocemente e agevolmente alla M4.”  

I criteri di valutazione

Sei i criteri di valutazione per la selezione della proposta vincitrice: qualità urbana, intesa come capacità di integrarsi nel contesto esistente con particolare attenzione al rapporto col Naviglio; qualità funzionale (comodità di fruizione anche in relazione al parcheggio di interscambio); qualità ambientale (ridotto impatto sul suolo, sostenibilità, valorizzazione delle connessioni ecologiche, resilienza, con particolare attenzione alla biodiversità); qualità architettonica (riconoscibilità e identità degli interventi da un punto di vista compositivo e architettonico); fattibilità e durabilità (qualità dei materiali e delle tecnologie costruttive scelte, modalità esecutiva, sostenibilità economica, manutenzione); qualità delle linee guida. Un lavoro da vero archistar.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:



 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La tragedia
Buccinasco ha detto addio a Simone, morto a 21 anni per un incidente stradale

Buccinasco ha detto addio a Simone, morto a 21 anni per un incidente stradale

Celebrato nella chiesa dedicata ai Santi Gervaso e Protaso, a Buccinasco, il funerale del giovane scomparso domenica pomeriggio

Attualità
La richiesta
Chiesta una Commissione consiliare d'inchiesta sugli ultimi 15 anni di amministrazione comunale

Chiesta una Commissione consiliare d'inchiesta sugli ultimi 15 anni di amministrazione comunale

La richiesta è arrivata dai vertici dell’associazione consumatori Libas dopo un incontro con il sindaco di Rozzano Gianni Ferretti e alti dirigenti di Comune e Ama

Attualità
La scoperta
Allarme scabbia nella casa di riposo, avviati i protocolli anti-contagio

Allarme scabbia nella casa di riposo, avviati i protocolli anti-contagio

La struttura della Fondazione Pontirolo di Assago ospita una cinquantina di anziani che sono stati sottoposti alla profilassi prevista dalle norme sanitarie