Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 03 Dicembre 2018 11:10
Il convegno

Buccinasco e Corsico rendono omaggio a Giorgio La Pira In evidenza

Una vita dedicata alla cultura, alla religione, alla politica e all’integrazione dei più bisognosi, illustrata in un incontro che si è tenuto all’oratorio San Adele

Nell'immagine Giorgio La PIra (con gli occhiali) in compagnia di Enrico Mattei, il fondatore dell'Eni Nell'immagine Giorgio La PIra (con gli occhiali) in compagnia di Enrico Mattei, il fondatore dell'Eni

di Greta Vincifori

“Alla luce di Giorgio La Pira, esercizi di una buona politica oggi” è il nome di un evento tenutosi nei giorni scorsi all’oratorio San Adele, organizzato dal circolo di Buccinasco-Corsico, dedicato all’ex sindaco di Firenze. Relatore della serata: Don Walter Magnoni, responsabile del servizio per la pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Milano.

Il paragone

È quasi impossibile riassumere tutta la vita di Giorgio la Pira, ma quello che si può sicuramente dire, è che la sua condotta politica sembra lontana anni e luce da quella attuale. Combattè per la giustizia sociale a favore dei poveri, e fu un portatore di pace. Quale politico di oggi, in ambito locale o nazionale, può riconoscersi in un simile ritratto? 

Il “venerabile” Giorgio La Pira

Nel circolo San Adele si è parlato della sua vita, di come è riuscito sempre ad anticipare i tempi, si è fatto un confronto della sua politica a quella attuale che si arrabatta per arrivare chissà dove. Spesso al nulla. La Pira invece, uomo di fede, era chiamato dal vescovo di Firenze “il vangelo vivente”. Un uomo nato umile e deceduto allo stesso modo, che ha attraversato città, continenti, per aiutare il prossimo.

Il sindaco santo

Giorgio La Pira in compagnia di papa Paolo VI

Di origini siciliane (Ragusa), La Pira è ricordato come il “sindaco santo”. È stato un politico, docente universitario, sindaco di Firenze, terziario domenicano e francescano. Una vita, la sua, complessa, vissuta sempre seguendo un filo conduttore: il rapporto tra la fede e le scelte politiche, sempre coerenti con il messaggio apostolico. Divenne infatti  terziario domenicano con il nome di Fra Raimondo, e successivamente terziario francescano, scegliendo di essere un “libero apostolo” all’interno della società. Fondò la rivista “Principi” in cui pose le premesse cristiane per un’autentica democrazia, ma era in pieno regime fascista e questi ne vietò la pubblicazione.

La Costituzione

Determinante la sua elezione all’Assemblea Costituente e il suo contributo alla stesura dell’articolo 2 della Costituzione italiana, quello sui principi fondamentali dell’uomo, «La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale».

Papa Francesco

Il suo ritratto è stato benedetto anche da papa Francesco che ha sottolineato come la figura di Giorgio La Pira,  “è esemplare per la Chiesa e per il mondo contemporaneo. Fu un testimone del Vangelo,  e i suoi atteggiamenti erano sempre ispirati da un’ottica cristiana, mentre la sua azione era spesso in anticipo sui tempi”.  

Il circolo di Buccinasco-Corsico

Presente sul territorio di Corsico e Buccinasco da diversi anni, è formato da un gruppo di amici accomunati dalla passione per la politica e per il sociale. Organizzano eventi culturali e incontri con personalità di spicco del mondo politico, economico e sociale. Condivide la sede con l’Associazione Famiglia Solidale Onlus, e dal 2015 hanno fondato “Corsico al Centro”, un laboratorio politico che coinvolge i giovani del territorio a  impegnarsi per la propria città.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La protesta
Lettera aperta al sindaco Bottero: l’informazione è il sale della democrazia

Lettera aperta al sindaco Bottero: l’informazione è il sale della democrazia

Al centro della discussione ancora la commissione urbanistica sul Pgt (piano regolatore) abbandonata da tutti i rappresentanti dell’opposizione

Politica
La polemica
Nuovo Pgt (piano regolatore) di Trezzano, l’opposizione abbandona la commissione urbanistica

Nuovo Pgt (piano regolatore) di Trezzano, l’opposizione abbandona la commissione urbanistica

Lo scontro dopo la bocciatura della richiesta di rinvio per avere la possibilità di leggere le centinaia di pagine di relazione tecnica fornita dagli uffici comunali solo pochi giorni prima della riunione on line

Politica
La polemica
Trezzano, sul campo Fabbri l’ombra del conflitto d’interessi

Trezzano, sul campo Fabbri l’ombra del conflitto d’interessi

Il voto favorevole di un consigliere comunale alla spesa di 350mila euro per rifare le torri di illuminazione della stadio di Trezzano potrebbe inficiare la delibera