Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 22 Novembre 2018 10:27
L'interrogazione

Buccinasco e Assago nuova terra dei fuochi? Al ministro la risposta In evidenza

Arriva in Parlamento, al titolare del dicastero per l’ambiente Costa, la questione degli incendi di discariche abusive che appestano l’aria dei due comuni al confine con Milano

Incendio di discariche abusive che affliggono il territorio di Milano al confine con Buccinasco e Assago  Incendio di discariche abusive che affliggono il territorio di Milano al confine con Buccinasco e Assago

È stata depositata questa mattina in Parlamento l’interrogazione, sottoscritta da Fabrizio Cecchetti e Fabio Boniardi, deputati della Lega, al ministro dell'ambiente Costa, sugli incendi di discariche abusive che affliggono il territorio di Buccinasco e Assago, al confine con Milano. Discariche che provocano fumi maleoranti e probabilmente dannosi per la salute di chi li respira.

Fumi tossici

Il documento si apre con una premessa: “Ormai da troppo tempo, specialmente nelle ore serali, i residenti dei comuni di Assago e Buccinasco sono costretti a respirare fumo tossico,   a causa di incendi che si verificano al di fuori dei loro territori nella cosiddetta «terra dei fuochi» (attorno a via Tre Catelli e via Bardolino,ndr), un'area periferica di Milano che confina con i comuni di Buccinasco e Assago”.

Discariche abusive

Poi prosegue: “Il parco agricolo sud Milano e il parco delle risaie vengono infatti utilizzati come discariche abusive a cielo aperto di rifiuti vari, alcuni inerti, altri pericolosi come pezzi di automobile, plastica o ancora resti di materiale elettronico, che poi vengono incendiati. Il fumo che ne scaturisce pieno di sostanze tossiche, come la diossina, mosso dai venti, in troppe occasioni si è spinto verso Assago, dove è stato respirato all'altezza della Bazzana, ma anche verso Buccinasco”.

Raccolta di firme

“Dopo aver segnalato il problema a più livelli, senza ottenere risposta - continua l’interrogazione - è iniziata una raccolta firme da parte di diversi comitati di zona per evidenziare, ancora di più, la gravità di questa emergenza ecologica con continue segnalazioni dettagliate di abbandono di rifiuti da parte dei cittadini che si fanno parte attiva in questa battaglia per la salute delle persone e dell'ambiente”.

Opportune iniziative

Infine chiede “Se il Ministro interrogato intenda adottare tutte le opportune iniziative di competenza per verificare le problematiche emerse al fine di garantire la salute e la stessa qualità della vita dei cittadini residenti nei comuni di Assago e Buccinasco interessati dai miasmi descritti, promuovendo ulteriori accertamenti e verifiche attraverso il Comando dei carabinieri per la tutela dell'ambiente e l'istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale”.

L’ultima “ratio”

La questione affligge da mesi i residenti dei due comuni nelle aree al confine con Milano. Nessuno, né a livello locale, né a libello sovracomunale, sin ora ha dato risposte, né ha fatto nulla di concreto contro quella che rischia di diventare un’emergenza. Investire il ministero dell’Ambiente è l’ultima “ratio” per tentare di evitarla.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

2 commenti

  • Link al commento Riccardo Venerdì, 25 Gennaio 2019 10:33 inviato da Riccardo

    Credo che questa situazione tipicamente territoriale, debba essere analizzata in ambito territoriale. Milano ha un Sindaco e un Assessore che debbono fornire delle risposte. Stessa cosa in Regione. Fa sorridere il fatto che la Regione é governata dalla Lega che dovrebbe porsi delle domande.

  • Link al commento Francesco De Marchi Giovedì, 22 Novembre 2018 17:31 inviato da Francesco De Marchi

    Il ministero dell.ambiente dovrebbe chiedere conto agli assessori comunali competenti sui territori menzionati ,sui mancati interventi di prevenzione e repressione
    dei reati commessi!!! E' assurdo che debbano intervenire I cittadini che piu' che segnalare non possono fare!

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La "querelle"
Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Gli uomini della Agogliati attaccano: “Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato dal sindaco Ferretti e dal vicesindaco Perazzolo”

Attualità
Il caso del giorno
Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

In città, sono solo 15 le videocamere attive su 24 impianti mentre altre 50 postazioni ad alta tecnologia non sono utilizzate

Attualità
La polemica
Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

A dieci giorni di distanza, quella che sembrava solo un’ipotesi comincia a prendere corpo, tanto che è sceso in campo anche il responsabile del Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera