Seguici su Fb - Rss

Domenica, 11 Novembre 2018 16:50
Un posto in poltrona

Buccinasco, Corsico, Cesano: il triangolo di una passione

Trenta tra ragazzi, ragazze, giovani, adulti e senior dei tre comuni si sono ritrovati e tutti insieme hanno dato vita a una nuova compagnia teatrale che debutterà il prossimo 27 gennaio

Nell'immagine, i componenti della compagnia "Gli amici del Teatro di Buccinasco" Nell'immagine, i componenti della compagnia "Gli amici del Teatro di Buccinasco"

Questa è una storia fatta di passioni. Passioni che non tramontano mai e danno la forza di continuare a confrontarsi con il mondo ogni giorno. Nella vita e su di un palcoscenico. Passioni che hanno contagiato ragazzi, ragazze, giovani, adulti e senior che si sono ritrovati e tutti insieme hanno dato vita agli “Amici del teatro di Buccinasco”.

Naufragio evitato

L’anima ce l’ha messa Giusy de Domenico, 58 anni, un passato da attrice e animatrice turistica in molti villaggi della Puglia e della Sardegna. I casi della vita, la separazione dal marito, una madre gravemente ammalata la stavano travolgendo. Forse sarebbe naufragata se un bel giorno la passione per il teatro non avesse fatto capolino tra i suoi ricordi.

Facce pulite e sorridenti

Come raggiungere altri con la stessa voglia di palcoscenico? Un annuncio su Facebook. Ed ecco che l’idea prende corpo e cuore. Quelli di circa trenta appassionati di Buccinasco, Corsico e Cesano Boscone, che costituiscono il centro di gravità permanente della compagnia. Volti puliti, volti sorridenti che inducono all’ottimismo, nonostante le difficoltà.

Istituzioni addormentate

Gli inizi, infatti,  non sono facili. Servirebbe un luogo dove ritrovarsi, un luogo dove poter provare gli spettacoli, confezionare i costumi, allestire le scenografie. Porte non se ne aprono, e nemmeno finestre. Le istituzioni? Sembrano addormentate o legate a logiche incomprensibili. Le parole rimangono parole, le promesse volano con il vento. Gli unici a dare una mano sono quelli di Messinscena di Buccinasco, che mettono a disposizione la propria sede, dietro il versamento di un piccolo contributo.

Forza venite gente

È sufficiente per sottoporsi alla prova del fuoco e mettere in scena il primo spettacolo: “Forza venite gente” un musical sulla vita di san Francesco e santa Chiara che ha debuttato nell’81 a Viterbo e nel 91 sul sagrato della Basilica dedicata al santo, ad Assisi: da allora viene replicato in tutt’Italia. È un test per capire la forza del progetto e comprendere se il territorio è in grado di supportarlo.

La trama

La parte recitativa vede come protagonisti Pietro di Bernardone e la Cenciosa che introducono o commentano, in maniera comica, le ventitré scene cantate che compongono il musical. La parte musicale invece racconta gli stili di vita del frate e gli eventi che hanno caratterizzato il corso della sua vita.

Una storia da raccontare

Il debutto è previsto per il prossimo 27 gennaio, in occasione della “Festa della Famiglia” all’oratorio san Filippo Neri di Baggio. Il 13 febbraio, la replica  al Fagnana di Buccinasco. Tutto è autoprodotto. I costumi, le scenografie. Ogni componente della compagnia dà il proprio contributo. Ognuno ha una propria storia, un proprio aneddoto, una curiosità da raccontare. Così Walter d’Ingillo, che interpreta San Francesco, ha coinvolto anche i suoi due figli: uno indossa i panni del diavolo, l’altro di uno degli uccellini con cui il santo dialoga.

Aggiungi un posto in poltrona

Santa Chiara è Sara Marchesi, padre Bernardone, Gianmaria degli Esposti, la Cenciosa è Elisabetta De Marzo, il lupo, Gianluigi Zero. Asia Pitari, ballerina classica buccinaschina, è la Luna. Aggiungete un posto in poltrona, c’è una compagnia in più.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cultura
Per saperne di più
Banksy, arriva a Cesano il "fantasma" dell’arte contemporanea

Banksy, arriva a Cesano il "fantasma" dell’arte contemporanea

Nelle sale italiane “L’uomo che rubò Banksy”, il film evento su uno dei più grandi esponenti della Street Art, l’artista capace di scombinare, opera dopo opera, tutte le regole dell’arte contemporanea

Cultura
La curiosità
Alla Triennale il “pane di bronzo” di Longoni  “sfornato” a Rozzano

Alla Triennale il “pane di bronzo” di Longoni “sfornato” a Rozzano

In mostra una scultura realizzata presso la storica Fonderia d'Arte De Andreis di Rozzano, la stessa in cui sono state realizzate le porte del Duomo di Milano e le sculture di Arnaldo Pomodoro

Cultura
La gara
Al via un concorso di video musicali per promuovere il territorio

Al via un concorso di video musicali per promuovere il territorio

Artisti solisti e band, giovani e adulti, sono tutti invitati a partecipare a una gara indetta da ambasciatori del territorio