Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 05 Luglio 2018 20:38
Il processo

‘Ndrangheta, nuovi guai per il boss Papalia: la procura chiede di riaprire vecchie indagini

Il pubblico ministero ha invitato il procuratore capo ad avviare un supplemento di istruttoria su alcune discrepanze emerse nelle dichiarazioni di ieri rispetto a verbali già resi da Papalia su due sequestri di persona per cui è stato condannato

Papalia, considerato uno dei più importanti capi della 'ndrangheta al nord era stato scarcerato nel maggio 2017, dopo 26 anni di detenzione Papalia, considerato uno dei più importanti capi della 'ndrangheta al nord era stato scarcerato nel maggio 2017, dopo 26 anni di detenzione

Da una parte il boss che accusa: “La Procura Milano mi vuole morto” dall’altro il pubblico ministero Adriana Blasco chiede di trasmettere gli atti dell’udienza di ieri convocata per discutere se revocare o meno la libertà vigilata al boss, al procuratore capo Francesco Greco perché valuti se nelle dichiarazioni di Papalia ci siano gli estremi di qualche reato.

Discrepanze

Non solo. La pm ha chiesto anche di verificare su alcune discrepanze emerse nelle dichiarazioni di ieri rispetto a verbali già resi da Papalia su due sequestri di persona per cui è stato condannato oltre alla, trasmissione degli atti in Procura in relazione a due violazioni della libertà vigilata contestate a Papalia. Si tratta della mancata firma del registro delle presenze dai carabinieri e della guida senza patente contestatagli qualche mese fa.

Attacco e contrattacco

La guerra quindi tra il magistrato milanese e il cosiddetto padrino della ‘ndrangheta di Buccinasco è all'ultimo verbale. Il secondo attacca: “La casa di lavoro è un carcere, io dico che la Procura mi vuole morto, anzi la Procura di Milano mi vuole morto". Il primo non si lascia intimidire e contrattacca  chiedendo l’intervento del procuratore capo.

Casa lavoro sì, casa lavoro no!

Papalia, considerato uno dei più importanti capi della 'ndrangheta al nord era stato scarcerato nel maggio 2017, dopo 26 anni di detenzione. Ieri si era tenuta, davanti al giudice del tribunale di sorveglianza, Ilaria Maupoli, l'udienza per discutere la richiesta del pm Adriana Blasco di applicare la misura di sicurezza detentiva della "casa di lavoro", assimilabile al carcere, a Papalia perchè, in sostanza, per lui, a detta del pm, non basta il regime della libertà vigilata.

Minacce ai giornalisti

 Il pm, oltre a chiedere la trasmissione in Procura della parte finale delle dichiarazioni rese dal boss (in particolare per l'espressione usata "la Procura di Milano mi vuole morto"), ha anche integrato con un file audio il 'capitolo' delle frasi rivolte da Papalia lo scorso marzo ad alcuni cronisti, quando disse "la 'ndrangheta siete voi".

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

‘Ndrangheta a Trezzano: sequestrati quattro appartamenti all’immobiliarista delle cosche

Oltre alle proprietà immobiliari, a Orlando Demasi sono stati bloccati anche 2 conti correnti,2 polizze assicurative vita oltre a 60.000 euro in contanti ritrovati all'interno di una cassetta di sicurezza

Cronaca
Controllo del territorio
Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Buccinasco, polizia locale scopre 3,5 tonnellate di alluminio rubato 

Erano nascoste in un furgone parcheggiato in via Salieri davanti al numero 25

Cronaca
Lotta alla criminalità organizzata
A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

A Buccinasco, la mafia si occupava di ristorazione

Si chiama Ristofar la società confiscata dalla Guardia di Finanza al clan dei Mazzei. Ha la sede in viale Lazio, 25, e risulta essere sottoposta a procedura di fallimento