Seguici su Fb - Rss

Domenica, 11 Marzo 2018 12:26
Ma dai

'Ndrangheta: il boss Papalia fermato in auto senza patente

 A un controllo dei carabinieri a Buccinasco, il boss è stato sopreso senza documento di guida

Nella foto, Rocco Papalia, sorpreso senza patente alla guida dell'auto della moglie  Nella foto, Rocco Papalia, sorpreso senza patente alla guida dell'auto della moglie

La paletta dei carabinieri gli ha indicato di accostare al marciapiede. Alla classica richiesta: patente e libretto di circolazione, non ha saputo rispondere. Non aveva la patente. Così è tornato a lla ribalta delle cronache Rocco Papalia, definito il 'padrino' di Buccinasco (Milano), considerato uno dei piu' importanti capi della mafia calabrese al Nord. Papalia era stato scarcerato lo scorso maggio dopo 25 anni di detenzione.

E' stato fermato dai Carabinieri mentre guidava l'auto della moglie . Lo riportano alcuni quotidiani locali. Il risultato è stata una multa di cinquemila euro e la comunicazione al giudice di sorveglianza dell'infrazione.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lo stupro
Violenza sessuale a Corsico: parla la vittima

Violenza sessuale a Corsico: parla la vittima

Lo stupro è avvenuto in un appartamento in via XXV Aprile: "Mi puntato un coltello alla gola e mia ha spogliata con la forza, lasciandomi nuda nonostante cercassi di calmarlo"

Cronaca
Nuovo inseguimento
Cesano: poliziotto spara 5 colpi in aria per disperdere gli aggressori di un collega

Cesano: poliziotto spara 5 colpi in aria per disperdere gli aggressori di un collega

Gli agenti erano all'inseguimento di un Opel Astra che da un controllo della targa era risultata essere di proprietà di un noto prestanome

Cronaca
Stuprata una 32enne
Violenza sessuale a Corsico: arrestato taxista abusivo

Violenza sessuale a Corsico: arrestato taxista abusivo

Di origini marocchine, la sera del 20 settembre scorso aveva caricato la ragazza, una sua connazionale di 32 anni, in una discoteca in zona Corvetto