Seguici su Fb - Rss

Martedì, 23 Gennaio 2018 17:38
Ancora anomalie

Buccinasco, mense senza pace

Nuove ispezioni e nuove anomalie nella gestione dei centri cottura che assicurano i pasti degli alunni delle scuole. I rappresentanti dei genitori hanno chiesto un incontro urgente con l’assessore Arboit

Due rappresentanti dei genitori hanno ispezionato il centro cottura di via Tiziano Due rappresentanti dei genitori hanno ispezionato il centro cottura di via Tiziano

Non c’è pace per le mense di Buccinasco. Dopo l’ispezione alla scuola Robbiolo in cui un paio di settimane fa erano state riscontrate gravi anomalie, questa volta è toccato alla  cucina di Via Tiziano. Probabilmente, le anomalie riscontrate in quest’ultimo caso sono più gravi di quelle segnalate nella precedente ispezione.

Dalle uova non biologiche...

Se alla Robbiolo era stato scoperto l’utilizzo di uova pastorizzate non biologiche, non previste dai protocolli e c’era stato il tentativo degli addetti ai lavori di depistare i membri della commissione, questa volta la relazione dei rappresentanti dei genitori appare molto più “corposa”. Testimoni oculari dei rilievi sollevati sono stati questa volta, il responsabile del servizio mensa del Comune di Buccinasco accompagnato e la tecnologa alimentare che autonomamente stavano eseguendo una serie di controlli nelle cucine della Robbiolo del nido La Perla e della Tiziano, appunto.

...al sugo vicino agli imballaggi

Che cosa è emerso? L’elenco è lungo. Si parte dalla mancanza di una delle due cuoche che è stata sostituita con personale addetto al servizio mensa all’abbattitore in dotazione della cucina non funzionante. I membri della commissione mensa hanno poi trovato  tre teglie di sugo per la preparazione delle lasagne del giorno successivo posizionate su un carrello in prossimità di imballaggi e lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
In questo caso, la tecnologa ha imposto al personale presente in cucina di riportare subito il sugo ad ebollizione per eliminare eventuali batteri patogeni e di procedere subito dopo ad un corretto raffreddamento.

Il tagliere sporco

Tra le altre cose si è scoperto un tagliere “col quale le addette si preparano a tagliare l’arrosto presente all’interno di gastronorm che sono state lasciate a temperatura ambiente” la cui superficie era maltenuta come se fosse molto sporca. Se non fosse sufficiente, su un banco da lavoro è stato trovato “abbandonato” del formaggio grana ancora perfettamente confezionato e, su un carrello, alcuni scatoloni di pasta fresca surgelata. Anche le attrezzature appaiono, agli occhi dei rappresentanti dei genitori malfunzionanti o rotti.

Chiarimenti senza risposte

Come conseguenza dell’ispezione, è stata richiesta una riunione urgente con l’assessore alla Pubblica Istruzione e   Arboit che ha inviato alla società che gestisce i centri cottura delle richieste di chiarimento di cui non è ancora arrivata alcuna risposta.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by


 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Sotto l'albero
Ecco un regalo di Natale al di fuori dei soliti luoghi comuni

Ecco un regalo di Natale al di fuori dei soliti luoghi comuni

Intervista ad Alberto D’Anna, volontario dell’Opera san Francesco, la onlus che da 60 anni dà da mangiare e da vestire ai poveri di Milano

Attualità
L'inaugurazione
Apre Primark, 130 ragazzi di Rozzano (e dintorni) trovano un lavoro

Apre Primark, 130 ragazzi di Rozzano (e dintorni) trovano un lavoro

La multinazionale irlandese inaugura oggi il nuovo super store (oltre cinque mila metri quadrati suddivisi su due piani) all’interno del Fiordaliso

Attualità
L'incontro
Rozzano, la refezione scolastica gratuita arriva in Parlamento

Rozzano, la refezione scolastica gratuita arriva in Parlamento

L’onorevole Stefania Mammì in visita in città per capire come funziona e per predisporre una proposta di legge che estenda il provvedimento a tutte le scuole italiane