Home News Corsico Banda di ladri rubava furgoni sostituendo le centraline, 6 arresti

Banda di ladri rubava furgoni sostituendo le centraline, 6 arresti

Avevano smantellato anche 4 veicoli, tutti prototipi non ancora immatricolati, rubati pochi giorni prima all’interno di un’azienda di Assago. Agli arrestati sono stati contestati 14 furti di 16 furgoni e un’auto per un valore complessivo di circa 1 milione di euro

0

Il blitz dei carabinieri di Corsico è scattato lunedì mattina. Su richiesta della Procura della repubblica di Milano, i militari hanno arrestato cinque italiani ed un albanese, tra i 29 ed i 58 anni, tutti  pregiudicati e residenti in zona. L’accusa nei loro confronti è furto aggravato. La banda in pochi minuti rubava furgoni sostituendo le centraline motore: ne avrebbe razziati almeno 16.

L’indagine era stata avviata nel settembre 2020 dai carabinieri di Settimo Milanese e Cornaredo che aveva individuato gli autori del furto di un furgone avvenuto a Cornaredo. Intercettazioni telefoniche e pedinamenti hanno poi permesso di scoprire come il gruppo criminale aveva due diversi modus operandi: nella maggior parte dei casi riusciva, in pochi minuti, a sostituire la centralina motore originale con una decodificata dai veicoli regolarmente parcheggiati; in altre occasioni rubava i veicoli dall’interno di aziende ed in orario di lavoro, approfittando del fatto che gli autisti, durante le consegne, lasciavano a bordo le chiavi di accensione.

Agli arrestati sono stati contestati 14 furti di 16 furgoni e un’auto per un valore complessivo di circa 1 milione di euro. Durante le indagini, gli investigatori avevano ritrovato in un capannone di Rosate, 4 furgoni, tutti prototipi non ancora immatricolati, rubati pochi giorni prima all’interno di un’azienda di Assago. Ulteriore riscontro alle indagini è stato reso possibile grazie all’arresto di tre soggetti colti in flagranza del reato di riciclaggio all’interno di un capannone a Quinto Romano, che si è accertato fosse il centro di smontaggio dei veicoli rubati dal gruppo criminale. Tre degli indagati sono stati rinchiusi in una cella di san Vittore, gli altri sono agli arresti domiciliari.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version