Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 21 Settembre 2017 17:07
L'attacco

Città metropolitana, scoppia la guerra tra Musella e Sala In evidenza

L’ente sovracomunale è sull'orlo del dissesto e, senza l’approvazione del bilancio, molti dipendenti rischiano il posto di lavoro

Nell'immagine, Giuseppe Sala e Graziano Musella, sindaco e consigliere di Città metropolitana Nell'immagine, Giuseppe Sala e Graziano Musella, sindaco e consigliere di Città metropolitana

Se non è guerra, poco ci manca. Ieri, 20 settembre 2017, in Consiglio Metropolitano, il gruppo consiliare  "Insieme per la Città Metropolitana" ha presentato una mozione urgente sulla situazione economico finanziaria della Città Metropolitana di Milano. L’ente sovracomunale rischia il dissesto e, senza l’approvazione del bilancio, molti dipendenti rischiano il posto di lavoro. Il bilancio avrebbe dovuto essere presentato lo scorso 30 giugno, ma  Città Metropoliotana non aveva potuto farlo perché mancavano circa 47 milioni di euro per tenere i conti in pareggio. Se non fosse stata approvata una proroga, sarebbero iniziate le procedure burocratiche che avrebbero portato alla dichiarazione di fallimento.

L'intervento del governo

A due mesi di distanza la situazione non è cambiata. L’ombra del dissesto si fa sempre più minacciosa."La nostra mozione - ha affermato Graziano Musella, sindaco di Assago e commissario provinciale di Forza Italia, in Lombardia -  votata all'unanimità, mira ancora una volta a sensibilizzare l'intervento del Governo per sopperire alle continue assenze, in Consiglio, del sindaco Giuseppe Sala che  pare non occuparsi più di tanto delle vicende dell'Ente e i cui tentativi di trovare una soluzione col Governo Gentiloni, pure della stessa area politica, non hanno al momento sortito alcun effetto". 

A tutela dei dipendenti

"Chiediamo a gran voce, quindi, la proroga dei termini - ha continuato Musella - ed un intervento immediato per consentire l'approvazione del bilancio e l'adozione delle misure necessarie a tutelare i dipendenti, soprattutto, la proroga urgente dei lavoratori a tempo determinato, che altrimenti rimarranno a casa sin dal primo ottobre. Ribadiamo che occorre un intervento concreto e tempestivo per consentire all'Ente di riprendere il suo ruolo strategico di coordinamento del territorio, nell'ottica di ridare centralità ai Comuni che sono le istituzioni più vicine ai bisogni dei cittadini"

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Altro in questa categoria:  Forza Italia riparte da Assago »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Settembre da bollino rosso
Corsico, due consiglieri di FI chiedono una verifica di maggioranza

Corsico, due consiglieri di FI chiedono una verifica di maggioranza

Si preannuncia un settembre da bollino rosso sul fronte politico corsichese, animato da turbolenze e giochi di potere mai quietati

Politica
Dopo l'assoluzione
La rinascita dell’ex assessore Osnato: da imputato a deputato

La rinascita dell’ex assessore Osnato: da imputato a deputato

L’ex titolare del Bilancio e della Sicurezza Urbana del comune di Trezzano, dopo sette anni vissuti con sul capo, l’accusa di aver manipolato una gara di appalto per la manutenzione del verde, una volta assolto è stato eletto in Parlamento

Politica
La guerra tra correnti
Politica a Corsico, un giallo alla Agatha Christie

Politica a Corsico, un giallo alla Agatha Christie

A una settimana dalla conclusione dell’ultimo consiglio comunale e dallo spettacolo offerto da Forza Italia e alleati, non accennano a placarsi le polemiche su motivi e retroscena che hanno portato al “tutti contro tutti” manifestatosi durante la serata