Seguici su Fb - Rss

Martedì, 23 Giugno 2020 11:40
Il post Covid

Dal 1° luglio, tutti al mare (o in montagna) con il Bonus vacanze

Il contributo può arrivare fino a 500 euro, ma non è per tutti. Ecco, in breve, tutto ciò che c’è da sapere e da fare…

Ci siamo, ancora pochi giorni (dal 1° luglio) e si potrà richiedere il bonus vacanze. Si tratta di un contributo messo a  disposizione delle famiglie da spendere in alberghi, B&b, agriturismi, villaggi turistici e campeggi. L’importo massimo erogabile ammonta a 500 euro. Si tratta di un aiuto che vale solo per chi decide di trascorrere le vacanze estive in Italia un supporto al turismo  colpito a morte dal coronavirus.  Ecco la guida completa per ottenerlo.

Sponsorizzato da:

Chi può richiederlo

Tutte le famiglie con un Isee, (l’indicatore della situazione economica equivalente), inferiore a 40mila euro. A usufruirne può essere qualsiasi componente del nucleo familiare, a prescindere che abbia oppure no presentato la richiesta in prima persona. Significa che se lo chiede il padre, può utilizzarlo il figlio e viceversa. Se lo chiede il marito lo può utilizzare la moglie o tutta la famiglia.

A quanto ammonta

Il top è di 500 euro, ma l’importo varierà in base al numero di componenti della famiglia.  Se il nucleo è composto da più di due persone, 500 euro;  da due persone, 300 euro;  single, 150 euro.
Occhio perché non si riceverà l’importo completo. L’80% del bonus è sotto forma di sconto al momento del pagamento, mentre il rimanente 20% può essere recuperato come detrazione nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno. Con 500 euro di bonus quindi si ottengono 400 di sconto e 100 euro di detrazione fiscale richiesta da parte  del componente del nucleo familiare cui è intestata la fattura o il documento fiscale di pagamento.

Le condizioni

Attenzione, il bonus è spendibile in un’unica soluzione e in un’unica struttura. Significa che non se ne potrà spendere metà durante una vacanza in Liguria e l’altra metà a Riccione. Le spese devono essere documentabili tramite fatture o ricevute fiscali. Inoltre,  il pagamento deve essere effettuato direttamente all’albergo, all’agriturismo o al B&b in cui si soggiorna. Non si può usare con prenotazioni on line e quindi, prima di partire è meglio chiedere direttamente se è prevista la possibilità di usufruirne. Infine, il bonus dovrà essere speso a partire dal 1°luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020.

Come fare domanda

Le domande potranno essere presentate a partire dal 1° luglio. La data ultima è il 31 dicembre. Niente web ma si depositano mediante un’app, chiamata IO, legata alla piattaforma PagoPa. Prima di farlo bisognerà richiedere rilascio di un Isee aggiornato (e in caso contrario richiedere i documenti all’Inps) e di avere un’identità digitale Spid o Cie. Una volta verificato l’Isee e controllate le credenziali necessarie per accedere ai servizi digitali si dovrà scaricare l’app Io e accedere. Si apre quindi la sezione “Pagamenti” dell’applicazione, si inseriscono i propri requisiti e si aspoetta che vengano verificati.

Il QR Code

Se tutto è ok, si potrà inviare la richiesta e attendere l’attivazione del bonus vacanze. Una volta ottenuta l’attivazione del bonus, la cifra spettante (150, 300 o 500 euro) sarà caricata sul proprio profilo e ad essa sarà associato un QR Code. Il cliente dovrà comunicare questo codice all’albergatore che a sua volta provvederà a inserire sul sito dell’Agenzia delle Entrate tutti i dati necessari. Maggiori informazioni sono disponibili nella guida al bonus vacanze di Agenzia dell'Entrate Buone vacanze.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La querelle
Trezzano investe 450mila euro nel parcheggio della discordia

Trezzano investe 450mila euro nel parcheggio della discordia

L’obiettivo è trasformare il parco che si trova tra la via Treves, via Rimembranze e via Galimberti in un posteggio per auto

Attualità
L'allarme
L’appello dei pediatri di famiglia sulle vaccinazioni antinfluenzali per i bambini

L’appello dei pediatri di famiglia sulle vaccinazioni antinfluenzali per i bambini

Ancora oggi non è chiaro se i bambini sani in età 6-24 mesi - età considerata cruciale per l’ottimizzazione dei risultati di una campagna vaccinale - avranno possibilità di essere vaccinati

Attualità
Le celebrazioni
Trezzano si colora di verde nella giornata mondiale dei diritti dei bambini

Trezzano si colora di verde nella giornata mondiale dei diritti dei bambini

 Organizzate una serie di iniziative dedicate ai più piccoli costretti a vivere senza scuola, senza sport, senza la possibilità di uscire di casa