Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 12 Marzo 2020 11:06
Primo bilancio

Coronavirus: tre morti sono il primo tributo pagato da Corsico e Rozzano

In molti comuni, la polizia locale controlla i parchi e i giardini pubblici per evitare che si formino assembramenti che potrebbero aumentare la diffusione del contagio

Due decessi da coronavirus a Rozzano, uno a Corsico. Il Sud ovest milanese paga il suo primo tributo alla pandemia di Covid 19 che sta stravolgendo le vite di tutti. I tre deceduti erano anziani con significative malattie pregresse. Erano persone con i propri affetti, figli, mogli, nipoti. I dati ufficiali riferiti a ieri sera rivelano che la città del comprensorio più colpita è Rozzano con 13  casi di positività, seguita da Corsico con 5, Assago, Buccinasco e Cesano con 2, Trezzano con 1.

Polizia con megafoni

Nella lotta contro il contagio sono scese in campo tutte le istituzioni locali. L’obiettivo principale è convincere i residenti a rimanere a casa. Per tutto il pomeriggio di ieri, a Rozzano, automezzi della vigilanza urbana hanno percorso la città dotati di megafoni mediante i quali hanno chiesto alla popolazione di non uscire se non per necessità.

Basta giochi in cortile

A Cesano, Trezzano e Buccinasco, la polizia locale controlla i parchi e i giardini pubblici per evitare che si formino assembramenti che potrebbero aumentare la diffusione del contagio. Quello che manca, tra le altre cose, è la presa di posizione da parte degli amministratori di condomini che dovrebbero impedire ai condomini e ai loro figli l’accesso e i giochi all’interno dei cortili delle residenze che amministrano.

Il male minore

La responsabilità, in questo caso, ricade sui genitori che non rispettano le regole. Certo non è facile tenere a bada dei ragazzini scatenati, rinchiuderli in un appartamento, ma meglio stare al caldo tra le quattro mura della propria casa, che correre il rischio di ritrovarsi in una corsia d’ospedale intubato.

Troppo poco

Il decreto del Presidente del Consiglio varato ieri notte ha imposto la chiusura di bar, ristoranti e pizzerie. “Troppo poco” è il commento di alcuni residenti interpellati da pocketnews.it. “Che senso ha chiudere i bar e tenere aperti i tabaccai?”. È solo una delle tante incongruenze di un’emergenza che senza il corretto comportamento dei singoli individui potrebbe far scorrere molte più lacrime di quanto non fatto sin ora.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

2 commenti

  • Link al commento Abdelkader Venerdì, 13 Marzo 2020 12:30 inviato da Abdelkader

    Giusto chiedere anche tabaccai e profumeria non sono bene di prima necessità. mi chiedo perché le operatori telefonici non hanno preso iniziative per la raccolta fondi per aiutare i nostri eroi medici e operatori sanitari e tutti coloro che lavorano giorno e notte nei ospedali fino ora i messaggi che arrivano dai nostri operatori solo Publicita basta donare solo 2 euro per cittadino e una goccia nel mare ma ogni serve per questo grande paese.
    Sono fiducioso andrà tutto bene. Io resto a casa ?forza Italia

  • Link al commento Francesco Venerdì, 13 Marzo 2020 10:12 inviato da Francesco

    Purtroppo a Corsico: alcuni cittadini anno telefonato alla polizia municipale x fare sgomberare la via Cavour da gruppi di persone.il controllo a Corsico è latitante.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Forze dell'ordine
Trezzano: tenta di rapinare una farmacia, 47enne arrestato dai carabinieri

Trezzano: tenta di rapinare una farmacia, 47enne arrestato dai carabinieri

L'uomo è entrato nell’ esercizio commerciale di via Metastasio, armato di pistola e con il volto coperto da passamontagna

Cronaca
La perdita
Il Coronavirus uccide l’ex assessore di Corsico, Sebastiana Basile

Il Coronavirus uccide l’ex assessore di Corsico, Sebastiana Basile

Per tre legislature era stata anche consigliere comunale a Buccinasco, dove aveva ricoperto il ruolo di presidente della Commissione servizi alla persona

Cronaca
L'emergenza
Trezzano e Buccinasco piangono altre due vittime del Coronavirus

Trezzano e Buccinasco piangono altre due vittime del Coronavirus

I morti, nei sette comuni del Sud ovest, dall’inizio della crisi, hanno raggiunto quota 53, i contagiati sono 368