Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 05 Dicembre 2019 10:44
Sotto l'albero

Ecco un regalo di Natale al di fuori dei soliti luoghi comuni

Intervista ad Alberto D’Anna, volontario dell’Opera san Francesco, la onlus che da 60 anni dà da mangiare e da vestire ai poveri di Milano

Nella foto, la fila di poveri che bussa alla porta di Opera San Francesco e, nel riquadro, Alberto D'Anna Nella foto, la fila di poveri che bussa alla porta di Opera San Francesco e, nel riquadro, Alberto D'Anna

di Fiorenzo Dosso

Un volontario di lungo corso (16 anni) di Opera San Francesco con la spinta propulsiva della metafisica. È questo il profilo, condito da un pizzico di ironia, di Alberto D’Anna, ex funzionario in un gruppo bancario, residente ad Assago, pensionato con molteplici interessi: volontariato, per l’appunto, con una passione per l’ Harley Davidson, con cui percorre itinerari in libertà vissuti con gli amici. E poi la scrittura, come autore da libreria. L’ultimo suo volume è dedicato ai cambiamenti climatici.

L'approdo

L’approdo ad Opera San Francesco, la onlus che da 60 anni si occupa di offrire pasti caldi, docce, cambi d'abito e visite mediche a chi nella vita ha perso tutto o non ha niente, risale agli ultimi tempi della sua vita professionale. Si è occupato di ogni tipo di attività dell’associazione. Attualmente presta servizio nella sezione docce e guardaroba: “Una volta alla settimana nel turno diurno dalle 11 alle 15”.

Una scelta consapevole

La sua non è una missione: è una scelta consapevole. Se non ci fossero persone come lui, le fasce più povere della nostra società sarebbero prive di qualsiasi assistenza. Alberto illustra senza fronzoli e con molta chiarezza la parte pratica del proprio volontariato.

Al servizio della persona

 “Opera San Francesco - sottolinea - assiste a Milano circa 25.000 persone alle quali garantisce l’erogazione dei cosiddetti servizi primari: quello della mensa in Corso Concordia (1.300 pranzi e 1.000 cene al giorno) e quello della cura della persona in Via Kramer.  In particolare nel nostro ambito diamo la possibilità di doccia con cambio della biancheria intima una volta alla settimana e cambio totale dell’abbigliamento una volta al mese. Disponibilità giornaliera, inoltre, per chi vuole farsi la barba e lavarsi i piedi.”

Dare una mano

Alberto ha idee ben precise anche sulle persone che aiuta e sulla loro tipologia: “La mia passione ed i miei studi metafisici (ai quali ha dedicato il libro Il Giallo dell’Anima, n.d.r.) non me li fanno vedere come poveri sfortunati ma come chi si è scelto la propria vita ed in un determinato momento, per mille motivi, è in difficoltà ed ha bisogno (anche) della mia mano.  Io e gli altri volontari ne vediamo davvero, come si usa dire, di tutti i colori ed entriamo effettivamente a contatto con le storie più diverse. Quella dell’italiano che viene in mensa perché fa fatica ad arrivare a fine mese e quella dell’immigrato che ha passato mille peripezie in mare ed in terra … “

Un regalo da mettere sotto l'albero

Quelli come Alberto sono il braccio operativo di Opera San Francesco, l’onlus che grazie al sostegno di tanti donatori assicura, ogni giorno e a chi non ha niente, pasti caldi, abiti puliti, cure mediche, farmaci oltre ad ascolto e conforto. Aiutarla potrebbe essere un buon regalo di Natale, un regalo al di fuori dai luoghi comuni. Le modalità di donazione sono molteplici e tutte dettagliate sul sito https://operasanfrancesco.it/

2 commenti

  • Link al commento vera ambra Giovedì, 12 Dicembre 2019 10:35 inviato da vera ambra

    Alberto carom, sei un grande!

  • Link al commento Carlo Arena Venerdì, 06 Dicembre 2019 08:23 inviato da Carlo Arena

    Sono grato, a persone come lui, perché permettono, al genere umano, di riscattarsi da tutto ciò che malvagiamente e pervicacemente continua a fare su esseri indifesi ed ai margini della società. Grazie Alberto che il tuo tempo sia infinito.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'iniziativa
Rozzano, si fanno alla scuola Curiel i respiratori d’emergenza

Rozzano, si fanno alla scuola Curiel i respiratori d’emergenza

Da pochi giorni hanno iniziato a produrre la stampa di raccordi in polimero naturale per adattare le maschere da snorkeling di Decathlon ad uso sanitario

Attualità
L'emergenza
Parla Chiara: la mia vita in trincea nella guerra contro il Coronavirus

Parla Chiara: la mia vita in trincea nella guerra contro il Coronavirus

Il racconto di chi è in prima linea immersa nel dolore, nella sofferenza, nell’orrore, a combattere contro il Covid- 19 nei reparti dell’Humanitas

Attualità
Contributi da rivedere
Buccinasco: “I soldi ricevuti dallo Stato sono insufficienti”

Buccinasco: “I soldi ricevuti dallo Stato sono insufficienti”

Il sindaco parla alla radio e denuncia l’esiguità delle risorse assegnate ai comuni per far fronte alla crisi da Coronavirus