Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 24 Maggio 2019 12:52
Elezioni & dintorni

Palio della discordia, la guerra per la gestione del comitato organizzatore

Le schermaglie elettorali tra Roberta Vieri e Lara Carano candidate sindaco ad Assago continuano con scambi di accuse sull’utilizzo dello stemma del comune

Nell'immagine una manifestazione del Palio di Assago del 2016 Nell'immagine una manifestazione del Palio di Assago del 2016

La settimana scorsa, pocketnews.it aveva pubblicato un articolo dal titolo “il mistero del Palio perduto” riferendosi al palio di Assago, che quest'anno avrebbe celebrato la decima edizione (leggi qui). Più che un mistero qui si tratta di una guerra, una guerra vera e propria per la gestione della manifestazione sottratta a chi poteva rappresentare un pericolo dal punto di vista politico. E se da una parte si attacca sulla "possibile non imparzialità" di Irene Nicolò  e i vecchi capicontrada nella gestione della manifestazione, dall’altra si risponde con l’accusa di utilizzare lo stemma del comune in modo improprio.

Pericolo Nicolò

Nel caso del Palio, per la Carano, Musella e compagnia bella, il pericolo era rappresentato dalla presidente del comitato organizzatore, Irene Nicolò e i quattro capocontrada (della Rana, dell’Ape, del Gallo e del Cavallo) riconfermati, in un’assemblea pubblica, solo lo scorso marzo, ed esautorati nell’approssimarsi dell’appuntamento elettorale.

Diritto di replica?

Lo conferma un comunicato inviato dall’assessore Donatella Santagostino alla nostra redazione. Appellandosi al “diritto di replica”  ha scritto: “"La motivazione per cui quest'anno il Palio è stato sostituito dalla "Festa delle Contrade" scaturisce dalla necessità di rispettare il regolamento che prevede vi sia per il Palio un presidente e quattro capicontrada, i quali improntino il loro agire a principio di imparzialità e trasparenza”. “Ciò purtroppo non si è verificato. – continua il documento - Avrei desiderato non dover parlare più di questa spiacevole vicenda, che ha messo in difficoltà me in quanto Assessore alle Manifestazioni e Tempo Libero e, nel contempo gli uffici preposti, per il fatto, che in poco tempo abbiamo dovuto riorganizzare la festa ormai consolidata da 10 anni e cara ai nostri cittadini”.

Profili Facebook

Perché i capicontrada e la presidente del Palio sarbbero stati rimossi? La chiave è presto rivelata: "Qualche giorno prima delle Energiadi, sul profilo whatapp e Facebook della signora Nicolò Irene compariva il simbolo della lista "Assago nel Cuore", che testimonia esservi stata da parte della stessa il venir meno al dovere "di imparzialità e di trasparenza", necessaria a garantire l’imparzialità della manifestazione”.

Dovere di imparzialità

“Infatti, - continua la Santagostino - i quattro capicontrada attuali e "tre dello staff della scorsa edizione" nonchè il responsabile dei giochi in oratorio sono tutti candidati nella medesima lista. In conclusione, ritengo con questa decisione di aver salvaguardato il dovere di imparzialità da parte dell'Amministrazione e da parte mia, in quanto Assessore alle Manifestazioni e Tempo Libero”.

Lo stemma dove lo metto?

Peccato che dal fronte opposto si sottolinei come l’amministrazione non sia poi così imparziale, visto l’articolo pubblicato sul sito della candidata Laura Carano, corredato da una foto con lo stemma del Comune di Assago. “Forse i meno esperti non capiranno la gravità di quanto accaduto – scrivono - , ma ci troviamo qui davanti a una situazione che viola gli articoli dello Statuto del Comune di Assago”. Statuto in cui si parla in modo chiaro dello Stemma, del Gonfalone e del Bollo Comunale, della loro conformazione e del loro utilizzo, senza lasciare spazio ad equivoci o fraintendimenti: “L'uso e la riproduzione di tali simboli per fini non istituzionali sono vietati”.

Uso elettorale?

Ed è proprio lo stemma comunale il protagonista indiscusso della foto che accompagna le parole di Lara Carano non solo sul suo sito ufficiale ma anche sulla pagina Facebook che porta il suo nome.  “La gravità del gesto – sottolinea Roberta Vieri - sta nel fatto che i cittadini meno informati o meno attenti possano facilmente confondere la comunicazione puramente legata a fini elettorali della candidata Lara Carano con una comunicazione ufficiale dell’Amministrazione Comunale”. E già, e adesso come la mettiamo?

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Sponsorizzata da:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La battaglia
Forza Italia senza pace, la sezione di Corsico ancora commissariata

Forza Italia senza pace, la sezione di Corsico ancora commissariata

Il Collegio dei probiviri ha accolto il ricorso di Giacomo Di Capua azzerando i nuovi vertici eletti nel corso di un’assemblea svoltasi il 24 novembre scorso. Entro fine mese le motivazioni

Politica
La polemica
Elezioni comunali a Corsico: l’unità del centrosinistra è solo un’utopia?

Elezioni comunali a Corsico: l’unità del centrosinistra è solo un’utopia?

Le rappresentanti di Italia in Comune replicano ai candidati alle primarie di Pd e Insieme per Corsico, dando la loro versione sul fallimento delle trattative per allargare la coalizione

Politica
Il duello
Corsico, primarie del Centrosinistra: intervista doppia ai candidati

Corsico, primarie del Centrosinistra: intervista doppia ai candidati

Roberto Masiero e Stefano Ventura  spiegano le ragioni della loro candidatura e perché gli elettori dovrebbero sceglierli come possibili sindaci della città