Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 15 Febbraio 2019 10:15
L'inchiesta

Caos biglietti bus-metro-treno a 2 €, le nuove tariffe non sono per tutti In evidenza

Ancora incertezza sui tempi di applicazione delle nuove tariffe da e per Milano città. Sui ticket singoli cambierà poco, tranne che ad Assago. Favorito chi si abbonerà

Le nuove tariffe dovevano partire a inizio del 2019, poi sono state spostate ad aprile, quindi a luglio Le nuove tariffe dovevano partire a inizio del 2019, poi sono state spostate ad aprile, quindi a luglio

di Antonio Casa

L'applicazione delle nuove tariffe per il trasporto pubblico integrato sembrava dietro l'angolo. Invece Comune di Milano e Regione Lombardia non trovano l'accordo perché – in sintesi – il primo vuole l'aumento del biglietto singolo, portandolo da 1,50 a 2 euro, spingendo verso gli abbonamenti, alcuni scontati, altri senza rincari, comunque pagabili a rate, mentre la seconda dice no all'arrotondamento del biglietto singolo.

Il caos

Risultato? Le nuove tariffe dovevano partire a inizio del 2019, poi sono state spostate ad aprile, quindi a luglio e già si parla di generico “autunno”. Intanto, sabato 16 e domenica 17 la Lega Che governa in Regione) di Milano raccoglierà le firme per dire 'No' all'Area B e all'aumento del biglietto della Metro. Un caos.

La mappa dei ticket

Certo è che l'Autorità del trasporto pubblico locale del bacino ha stabilito le fasce di applicazione dei “nuovi” ticket. In prima fila nel sud-ovest ci sono Assago, Buccinasco, Corsico, Cesano Boscone e Rozzano. Nel biglietto singolo, a guadagnarci sono soprattutto gli utenti di Assago, che passeranno dagli attuali 2,50 a 2 euro per andare a (o tornare da) Milano. Il nuovo capolinea del tram per Rozzano (15) resterà a 2 euro. Per Assago e Rozzano l'abbonamento annuale costerà 440 euro anziché gli attuali 498. Buccinasco, Corsico e Cesano arrotonderanno di dieci centesimi, da 1,90 a 2 euro. Sconto di 10 centesimi per chi parte o arriva a Trezzano sul Naviglio e Cusago, da 2,50 a 2,40 euro.

Bottero: “Favorito chi si abbonerà”

“Meglio di niente” commenta il sindaco di Trezzano, Fabio Bottero, che annuncia il prossimo volantinaggio del Pd alla stazione ferroviaria, organizzato proprio per informare l'utenza. “Ci saranno maggiori novità per i pendolari, come studenti, giovani under 26 e lavoratori, in quanto l'Autorità di bacino cerca di favorire il ricorso agli abbonamenti che saranno pagabili anche a rate.”

Forte pendolarismo in entrata

Il primo cittadino trezzanese spera tuttavia di ottenere di più. Lunedì prossimo, in occasione della seduta del Consiglio di Città Metropolitana (che detiene il 12,2% dell'Autorità di bacino), si parlerà di un ordine del giorno in cui si chiederà il passaggio al biglietto integrato di 2 euro anche per le cittadine che sono a ridosso della cosiddetta seconda fascia dell'hinterland, come Trezzano e Cusago, i cui territori sono direttamente confinanti con quelli di Milano città, anche se l'attuale collegamento dei mezzi pubblici non è diretto, ma passa per Corsico e Cesano.

La lettera

“A tal proposito ho inviato una lettera all'Autorità di trasporto pubblico locale del bacino per favorire di più il pendolarismo da e per Milano. In particolare, registriamo un forte pendolarismo in entrata, perché a Trezzano sono presenti quasi 2mila partite iva attive presso la Camera di Commercio meneghina, oltre a 300 imprese operanti nell'edilizia, nella manifattura e nell'asse del commercio.”

Trezzano inquinata, servono incentivi

Trezzano, si sa, soffre l'inquinamento a causa degli oltre centomila mezzi che ogni giorno transitano verso e dalla metropoli distante meno di 20 km. Come incentivo per spingere i pendolari a lasciare l'auto a casa e prendere i mezzi pubblici e anche come misura di compensazione per il grande lascito di polveri sottili, si potrebbe puntare a diminuire le attuali tariffe.  

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

 

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La "querelle"
Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Gli uomini della Agogliati attaccano: “Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato dal sindaco Ferretti e dal vicesindaco Perazzolo”

Attualità
Il caso del giorno
Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

In città, sono solo 15 le videocamere attive su 24 impianti mentre altre 50 postazioni ad alta tecnologia non sono utilizzate

Attualità
La polemica
Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

A dieci giorni di distanza, quella che sembrava solo un’ipotesi comincia a prendere corpo, tanto che è sceso in campo anche il responsabile del Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera