Seguici su Fb - Rss

Sabato, 27 Ottobre 2018 14:53
Amministrative 2019

Elezioni: ad Assago, Musella lancia la candidatura della sua erede

Il responsabile provinciale di Forza Italia ha presentato, durante una serata riservata, la “sua” candidata alla poltrona di primo cittadino

Il sindaco di Assago Graziano Musella e Lara Carano durante la presentazione di ieri sera Il sindaco di Assago Graziano Musella e Lara Carano durante la presentazione di ieri sera

Elezioni amministrative 2019, tutto come previsto, seppur con qualche mal di pancia che non si sa se è passato. Almeno ad Assago. Ieri sera il sindaco uscente, Graziano Musella, ha lanciato la candidatura della sua erede. Si tratta di Lara Carano, attualmente presidente del Consiglio comunale assaghese. Durante la serata, il primo cittadino ha sottolineato il ruolo svolto dalla Carano nella gestione dell’assemblea e il valore della candidatura di una donna per il dopo Musella, che, non va dimenticato, ha amministrato il paese per una vita intera.

L'altra candidata…

Candidatura femminile si diceva. In lizza  per la poltrona di Musella è rimasta sino all’ultimo momento anche l’attuale vicesindaco Roberta Catya Vieri, che si è occupata anche di Pubblica Istruzione, scuola , asili nido,  centri estivi e politiche giovanili. Una parte del centrodestra si è battuto affinché fosse lei la candidata della coalizione. Secondo alcune indiscrezioni, i più irritati sarebbero i vertici di Fratelli d’Italia, non coinvolti nella scelta, che quindi appare ai loro occhi solo come un colpo di mano di Musella.

Due legislature in Consiglio

Lara Carano, 47 anni, laureata in pubbliche relazioni, è una promotrice turistica specializzata in viaggi vacanze di alta fascia in ogni angolo del mondo. Single per scelta, da due legislature è in Consiglio comunale, l’ultima  vissuta da presidente. Ha anche le deleghe alle pari opportunità e agli animali. L’aspetta, se fosse eletta, un compito difficile da assolvere. Per lei, come per chiunque altro, infatti, non sarà facile raccogliere l’eredità di Musella.

Eredità pesante

Il sindaco uscente ha amministrato Assago per sei mandati, anche se non consecutivi. In una intervista rilasciata a pocketnews.it qualche tempo fa, alla domanda “Ha già individuato il suo successore e cosa devono aspettare i suoi avversari politici per amministrare il comune?” aveva risposto: “Non ho individuato alcun successore. L’importante è che arrivi qualcuno che viva l’amministrazione del comune con le mie stesse sensazioni, mantenendo l’alto livello dei servizi. Io posso solo augurare che vinca il migliore”. È evidente che per lui, oggi, la migliore è Laura Carano.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Altro in questa categoria: « La mappa del voto comune per comune

1 commento

  • Link al commento Jenny Domenica, 28 Ottobre 2018 16:00 inviato da Jenny

    Lara: IN BOCCA AL LUPO!!!! Non esiste comunque competizione con gli altr, sanno solo distruggere ilbenfatto!!!!!

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La polemica
Trezzano, bufera in Consiglio: il M5s perde il seggio di Guido Nani

Trezzano, bufera in Consiglio: il M5s perde il seggio di Guido Nani

Ieri sera, con la surroga a Chiara Crosti, c’è stata una seduta del Consiglio comunale che ha riacceso le polveri tra maggioranze e opposizione

Politica
Ma dai!
Rozzano si affida a Bergamo per la gestione condivisa della segreteria comunale

Rozzano si affida a Bergamo per la gestione condivisa della segreteria comunale

L'accordo prevede che Daniele Perotti si occupi delle questioni rozzanesi sino alla conclusione del mandato amministrativo con durata massima al 30 settembre 2019

Politica
Cambio ai vertici
Forza Italia, Valastro è il nuovo capogruppo in Consiglio comunale

Forza Italia, Valastro è il nuovo capogruppo in Consiglio comunale

“Dimissionato” Cetrangolo che non riusciva più a gestire il gruppo e a garantire sostegno alla maggioranza. Per questo motivo Errante aveva chiesto le dimissioni in bianco degli assessori Basile e Lucentini