Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 19 Ottobre 2018 17:19
L'esercitazione

La Protezione Civile si dà all’ “Oktober Test” In evidenza

Una tre giorni di esercitazioni (da oggi al 21 ottobre) riservata ai 300 volontari raccolti nel campo base di Assago

Un raduno di oltre 300 volontari, con una costellazione di associazioni e  decine di mezzi nel campo base di Assago Un raduno di oltre 300 volontari, con una costellazione di associazioni e decine di mezzi nel campo base di Assago

di Aldo Marchesini

Una grande occasione per fare apprendimento, dare e unire esperienze. Non solo per aumentare la propria preparazione, ma anche per accrescere il senso del mutuo soccorso, la coesione ad una linea di comando, all’organizzazione. Quello dei volontari di Protezione Civile è un fare senza concessioni all’improvvisazione, un "gioco di squadra", con linee  guida e  direttive previste e  coordinate, secondo la  risposta più funzionale da opporre alla criticità inaspettata. Si tratta anche di una verifica istituzionale per il mantenimento dei requisiti di operatività delle organizzazioni del volontariato richiesti dall’Albo Regionale.

Il saluto

“Ringraziamo i nostri volontari di Protezione Civile – dichiarano il sindaco Fabio Bottero e l’assessore alla Polizia locale e Protezione Civile Leo Damiani – per la loro professionalità a servizio della comunità. Anche in questa occasione saranno presenti e dimostreranno la loro preparazione e disponibilità”.

L'evento disastroso

I diversi scenari esercitativi, celati ai volontari fino all’ultimo minuto, sono fatti per calarsi tutti nelle prime 72 ore – le peggiori – di un evento disastroso che tipicamente, nell’attesa degli aiuti, costringono al “fai da te”.
Il cantiere comprende anche figuranti “feriti” e “deliranti”, preparati dagli psicologi dell’emergenza. A loro tocca dare verosimiglianza e caricare di stress emozionale la scena, ossia aggiungere confidenza con lo stupore delle situazioni difficili. Gli Psicologi del Soccorso, avranno cura oltre che delle vittime anche dei soccorritori sensibilizzandoli sulle conseguenze – anche per loro – di possibili “stress post traumatici” che anche a distanza di tempo potrebbe riaffiorare.

Campo base ad Assago

È compreso l'intervento della funzione sanitaria con un Posto Medico Avanzato e ambulanze, i radioamatori, l’Associazione Nazionale Carabinieri, le Polizie Locali, il Comitato di Coordinamento dei Volontari e gli osservatori. Il campo base con il C.C.S (Centro Coordinamento Soccorsi) s’installa ad Assago. Per prima, la logistica predispone i servizi per la sistemazione del flusso d’arrivo dei vari gruppi di soccorritori (acqua, luce e gas, inquadra le tende, la mensa e le prime necessità del campo); si colloca la segreteria con un Check Point degli accessi. Nel frattempo, s’issano le strutture sanitarie da  campo,  senza  dimenticare  anche e  strutture  “intangibili”  come  la  presenza  del  conforto psicologico alle vittime ed ai soccorritori. S’innalzano poi le antenne; è la centrale radio che rende possibile la comunicazione tra tutto il dispiegamento e rende assertiva la catena di comando.

29 Comuni del Sud-Ovest Milanese

L’acronimo C.O.M. indica Centro Operativo Misto, ossia il comune capofila con i suoi comuni vicinali, complessivamente: Corsico, Assago, Buccinasco, Cesano B., Cusago, Trezzano sul Naviglio; Abbiategrasso, Albairate, Besate, Bubbiano, Calvignasco, Cassinetta di L., Cisliano, Gaggiano, Morimondo, Motta Visconti, Ozzero, Vermezzo, Zelo Surrigone. Un raduno di oltre 300 volontari, con una costellazione di associazioni e  decine di mezzi;  Rozzano, Basiglio, Binasco, Lacchiarella, Locate Triulzi, Noviglio, Pieve Emanuele, Vernate, Zibido San Giacomo. Tutti i volontari, fanno parte di Gruppi Comunali, della Pubblica Assistenza o d’associazioni del soccorso.

Il nome: “Oktober …Test”

Quando si è cercato un nome per la prima esercitazione di Protezione Civile,  è  scaturito “Oktober Test”, dal calembour scherzoso con l’altro evento tradizionale: “… Fest”. Senza prevedere, che anche questo nostro, tanto più morigerato e severo, avrebbe inanellato una lunga tradizione, questa è la 19° edizione.

L’eccellenza, niente di meno.

Chi non è volontario di Protezione Civile difficilmente conosce quanto sia profuso l’impegno e la passione dei volontari – i cui numeri corrispondono a un’enorme orchestra che suona contemporaneamente – e quanto sia inclemente e avulsa dall’autocompiacimento la valutazione finale di tutta la prova. Senza negare che nello “stato di necessità” non sempre tutto è sotto controllo, tuttavia, quando l’insieme presenta qualche inevitabile imprecisione, qualche punto di debolezza, scatta un’autocritica e una dissezione dei difetti che in ogni sede successiva rinviene mal digerita; tiritere che nei discorsi dei volontari si riportano fino all’edizione successiva.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'accusa
Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Il documento sottoscritto dai responsabili dell’Area Ambiente e tutela del territorio, impone una serie di interventi che riducano le emissioni in atmosfera e sul terreno

Attualità
Il dossier
Trenord,  su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

Trenord, su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

In un report segreto sono indicati tutti i numeri del disastro: nel 2018, la società di gestione ha mandato in fumo 179 milioni di euro per ritardi e soppressioni

Attualità
Possibili disagi
Lavori alla passerella ciclopedonale: la tangenziale chiude lo svincolo di Assago

Lavori alla passerella ciclopedonale: la tangenziale chiude lo svincolo di Assago

Servirà a collegare la stazione della metropolitana di Assago con l'area "Bazzana Inferiore" a scavalco dell'Autostrada Milano-Genova