Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 22 Novembre 2017 15:11
Tra conferme e smentite

Trezzano, il mistero della Guardia di finanza negli uffici del comune In evidenza

Visita “fantasma” degli agenti che, secondo indiscrezioni, avrebbero puntato l’area servizi sociali. La secca smentita dal sindaco

Gli agenti della guardia di finanza avrebbero bussato alla porta dei servizi sociali Gli agenti della guardia di finanza avrebbero bussato alla porta dei servizi sociali

Gli agenti della Finanza hanno “visitato” gli uffici del comune di Trezzano. La notizia diffusa in mattinata, ha fatto il giro delle redazioni. Poi, dalle verifiche, è emersa una storia che presenta aspetti che comunque val la pena di raccontare.

I ricorsi in procura

L’informazione era questa: “Agenti della guardia di finanza, alcune settimane fa (un mese) hanno bussato alla porta dei servizi sociali”. Per fare che cosa? Nessuno è stato in grado di rivelarlo. C’è chi ha ipotizzato che trattandosi di una visita al settore che ha assegnato alcuni beni sottratti alle mafie alla cooperativa che si occupa dell’accoglienza dei migranti, e visto che alcuni ricorsi dell’opposizione sono all’esame della procura di Milano, le richieste delle fiamme gialle avrebbero riguardato proprio quelle vicende.

L'interpellanza

La presenza dei finanzieri sarebbe stata confermata da alcuni dipendenti comunali ai consiglieri di opposizione. Guido Nani, del Movimento 5 stelle, ha dichiarato a pocketnews.it “Anche noi abbiamo saputo di questa ispezione, ma non ne conosciamo il motivo. Sulla vicenda, in Comune c’è un silenzio assordante. Per far luce e dissipare ogni ombra, la settimana prossima presenteremo un’interpellanza al sindaco per sapere di che cosa si è trattato”.

Le smentite

Dal fronte della maggioranza, una dietro l’altra, sono fioccate le smentite. "La Guardia di Finanza – ha dichiarato il sindaco Fabio Bottero - visita spesso ogni Comune per documentazione inerente molteplici argomenti, l'eventuale arrivo anche a Trezzano non desta alcuna preoccupazione: è venuta in passato e verrà ancora, a garanzia dell'Ente e dei cittadini. A destare preoccupazione invece è il continuo accusare senza fondamento, si tratta di intimidazione all'azione amministrativa. Noi comunque andiamo avanti a lavorare con impegno per la comunità trezzanese".

Il mistero rimane

Sul fronte opposto si sottolinea, invece che “ci sono numerosi comuni della Provincia di Milano che certe “visite” non le hanno mai avute mentre invece continuano a Trezzano, dove sono in essere vicende su cui la magistratura dovrà, prima o poi, dare delle risposte. Il mistero rimane.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Vale in tutto il Corsichese
Attualità
L'appuntamento
Un’ultima cena tutta da ridere, per portare il sorriso ai bambini ammalati

Un’ultima cena tutta da ridere, per portare il sorriso ai bambini ammalati

Domenica 22 aprile alle 17 nel Teatro della Sacra Famiglia a Cesano Boscone va in scena uno spettacolo per adulti, giovani e giovanissimi

Attualità
Nuove regole
Dopo lo scandalo Facebook, cambia il concetto di privacy

Dopo lo scandalo Facebook, cambia il concetto di privacy

Se ne è parlato a Trezzano. Sotto la lente di pubblico e relatori è finito il nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati che entrerà in vigore entro il prossimo 25 maggio

Attualità
In ricordo dei militari caduti
Trezzano accoglie un monumento dedicato ai Carabinieri

Trezzano accoglie un monumento dedicato ai Carabinieri

Anche la piazza adiacente la caserma sarà titolata a Salvatore Nuvoletta, carabiniere Medaglia d’oro alla memoria, caduto per mano della camorra