Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 29 Settembre 2017 15:25
il progetto

Apre un nuovo polo per l’assistenza agli anziani In evidenza

Trezzano si avvia sulla strada per risolvere i bisogni di assistenza della terza e quarta età. Approvata la realizzazione di una residenza (Rsa) convenzionata con il Comune

Gli anziani avranno anche la possibilità di pranzare all’interno della struttura ad un prezzo calmierato Gli anziani avranno anche la possibilità di pranzare all’interno della struttura ad un prezzo calmierato

Un centro per anziani in grado di garantire assistenza a cira 70 persone, un centro diurno che ne potrà ospitare una ventina, una residenza che ne potrà ospitare altre 20 autosufficienti. Anche Trezzano si avvia sulla strada per risolvere I bisogni di assistenza della terza e quarta età. Sarà infatti realizzato un  importante polo sanitario che potrà rispondere a tutte le necessità  dei cittadini più anziani.

Assistenza al posto di case

Lo ha deciso il Consiglio comunale che, nei giorni scorsi, ha concesso ai proprietari di un’area compresa tra le vie Tintoretto, Correnti e Caravaggio il permesso di costruire, in deroga al Piano di Governo del Territorio, una struttura dedicata agli anziani. In quell’area, erano previste nuove abitazioni. Al loro posto sorgerà una Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA), un Centro Diurni Integrato (CDI) e una residenza per anziani autosufficienti, convenzionata con il Comune.  

Nuovi servizi

“Si tratta di un progetto molto importante per Trezzano – ha spiegato il sindaco Fabio Bottero in un comunicato stampa – a favore dei nostri anziani a cui potremo offrire nuovi servizi”.  Il nuovo polo sarà suddiviso in tre strutture: la Residenza Assistenziale ospiterà fino a 68 persone, il Centro Diurno ne ospiterà 20, la residenza dedicata ad anziani autosufficienti altri 20. Il Comune avrà a disposizione 20 posti che pagherà meno rispetto ai prezzi di mercato per 10 anni. Gli anziani avranno anche la possibilità di pranzare all’interno della struttura ad un prezzo calmierato. In quest’ambito sarà costituito un coordinamento formato da rappresentanti del gestore e del Comune che vigilerà sull’erogazione dei servizi e sulla loro qualità.  

Meno costi, migliore assistenza

Attualmente il Comune gestisce direttamente un Centro diurno integrato al secondo piano della palazzina di via Boito: può ospitare 30 utenti ma al momento è frequentato solo da 13 anziani per la scomodità della collocazione e per gli orari ridotti. Il servizio costa più di 200 mila euro perché non è convenzionato con Regione Lombardia e quindi il Comune non percepisce alcun contributo come avviene invece per molti altri comuni della zona. Il nuovo servizio quindi costerà meno all’ente locale in cambio di assistenza ci si augura migliore.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La petizione
Una firma contro l’aumento del biglietto del tram

Una firma contro l’aumento del biglietto del tram

Per chi vuole sottoscrivere, l’appuntamento è per sabato mattina davanti all’Auchan di Cesano Boscone

Attualità
Dopo il calo delle iscrizioni
Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Simone Negri si trasforma in testimonial e invita i residenti a iscrivere i propri figli negli istituti cesanesi, in cui, negli ultimi anni si è registrato un calo di iscritti

Attualità
La scoperta
Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

A poche ore dalla pubblicazione dell'articolo di pocketnews.it sulle anomalie rilevate dalla commissione mensa nella struttura di via Indipendenza, la giunta pubblica un comunicato stampa che conferma l'episodio e annuncia un confronto con l'azienda appaltatrice