Seguici su Fb - Rss

Martedì, 27 Dicembre 2016 12:25
Viabilità

L’incrocio pericoloso e l’appello inascoltato dei residenti In evidenza

L’iniziativa è partita da un gruppo di residenti che da tempo denunciano l’estrema pericolosità del tratto di strada tra la Vecchia Vigevanese e lo svincolo della Tangenziale Ovest

Lo svincolo tra la Vecchia Vigevanese e la Tangenziale ovest Lo svincolo tra la Vecchia Vigevanese e la Tangenziale ovest

L’allarme è chiaro: Lo svincolo tra la Vecchia Vigevanese e la Tangenziale Ovest è pericoloso. La richiesta pure: Vogliamo incontrarvi per trovare una soluzione. La risposta da parte degli enti che dovrebbero risolvere il problema: Nessuna.

La denuncia

L’iniziativa è partita da un gruppo di residenti di Trezzano che da tempo denunciano l’estrema pericolosità dell’incrocio tra la Vecchia Vigevanese e lo svincolo della Tangenziale Ovest. Si tratta di uno snodo in cui si verificano gravi incidenti, incidenti che spesso hanno causato danni fisici permanenti alle persone. La sua pericolosità costringe molti automobilisti ad allungare il tragitto e a utilizzare percorsi diversi, pur di non rischiare di essere coinvolti in uno scontro tra auto.  Non solo.

Un intervento di messa in sicurezza

All’incrocio si crea un imbuto con lunghe colonne di vetture che quotidianamente bloccano la  circolazione, allungando i tempi di percorrenza dell’intera tratta Trezzano-Milano. Molti singoli cittadini e comitati di quartiere hanno chiesto ripetutamente un intervento di messa in sicurezza. Sono state anche presentate proposte, progetti, osservazioni al Piano di Governo del Territorio e al Piano Generale del Traffico Urbano.  Le risposte? Nessuna da parte della Città Metropolitana di Milano e dalla Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. (che gestiscono la viabilità di questo tratto di strada), dilatorie da parte degli enti locali che rinviano la soluzione del problema, che ormai si trascina da decenni, ai tempi di esecuzione di altri interventi urbanistici e viabilistici.  Sono molti invece a ritenere che la messa in sicurezza di questo incrocio sia un diritto dei cittadini non più rinviabile e chiedono invece interventi urgenti.

Cinquecento firme di automobilisti

L’appello per una soluzione immediata, rilanciato su Facebook, ha raccolto in brevissimo tempo circa cinquecento firme di automobilisti. La petizione è stata inviata anche al sindaco di Trezzano, Fabio Bottero, che ha incontrato una delegazione dei promotori dell’appello composta da Luciano Chiodo, Maria Cristina D’Alessandro, Giovanni Pizzuto, Marilina Sciortino e Valeria Viola. A Bottero è stata consegnata la lettera con le adesioni dei residenti, ed è stato ribadito che la messa in sicurezza dell’incrocio non può più essere rinviata, né, tantomeno, legata a futuri interventi urbanistici e viabilistici, ma deve vedere tempi rapidi e certi di esecuzione. Il sindaco da parte sua ha espresso il suo sostegno all’iniziativa e si è impegnato a dare il suo contributo per l’organizzazione dell’incontro con gli altri enti.

Orecchie da mercante

Peccato che questi abbiano fatto orecchie da mercante. “Quello che più indigna – sottolineano i promotori dell’iniziativa “è che gli enti interessati non si sono sentiti in dovere di perdere qualche minuto del loro tempo per consultare le loro agende e definire una data per incontrare la cittadinanza, su un problema di messa in sicurezza stradale di un incrocio che ha causato gravi danni fisici permanenti a tante persone, famigliari e amici. Ma se non arriveranno risposte, dovremo decidere insieme qualche iniziativa più incisiva della semplice lettera.”

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Le eccellenze del territorio
Attualità
Raccolta dati
Inquinamento: a Trezzano si testa l’aria

Inquinamento: a Trezzano si testa l’aria

Pronta al via una campagna per misurare i livelli di inquinamento nel territorio comunale. Una centralina mobile sarà posizionata in largo Risorgimento

Attualità
Tra conferme e smentite
Trezzano, il mistero della Guardia di finanza negli uffici del comune

Trezzano, il mistero della Guardia di finanza negli uffici del comune

Visita “fantasma” degli agenti che, secondo indiscrezioni, avrebbero puntato l’area servizi sociali. La secca smentita dal sindaco

Assago
L'appuntamento
Assistenza agli anziani, una giornata per scoprire le sue prospettive

Assistenza agli anziani, una giornata per scoprire le sue prospettive

Due gli appuntamenti per fare il punto della situazione sul welfare nel Sud ovest milanese e individuare soluzioni che possano garantire, in un futuro in cui la popolazione anziana della zona raggiungerà numeri mai visti, un’assistenza adeguata