Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 07 Giugno 2018 12:53
Lotta alla microcriminalità

Coltivano marijuana in casa, arrestati due trezzanesi

Nella loro abitazione, in via Brunelleschi, i carabinieri hanno trovato 87 piante di marijuana alte più di un metro e mezzo

Nella foto di repertorio il sequesto di piantine di marijuana coltitava in casa Nella foto di repertorio il sequesto di piantine di marijuana coltitava in casa

Attorno alla loro casa s’era creato un movimento sospetto. Questo ha spinto i carabinieri a intervenire per capire da cosa fosse causato. Così è finita la carriera di "produttori" di droga e di spacciatori di due italiani, di  trenta e ventisei anni, residenti in via Brunelleschi a Trezzano sul Naviglio.

Si tratta di due operai con precedenti penali che sono stati arrestati con l’accusa di “concorso del reato di coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti”. Nella loro abitazione, i carabinieri hanno trovato 87 piante di marijuana alte più di un metro e mezzo, un sistema di illuminazione adatto alla loro coltivazione, fertilizzanti, e materiale per la pesatura e il confezionamento delle dosi. I due sono stati rinchiusi  in una cella di sicurezza e messi a disposizione del magistrato di turno.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
L'interrogatorio
Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Il Giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo e imposto il carcere a Fabrizio Butà, l’assassino del senegalese ucciso sabato scorso a Corsico 

Cronaca
La fine dell'incubo
Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Fabrizio Butà ha confessato di essere il killer Assan Diallo, il senegalese ucciso sabato notte al quartiere Lavagna

Cronaca
Svolta nelle indagini
Delitto di Corsico: trovata una pistola, la parola passa agli esperti della balistica

Delitto di Corsico: trovata una pistola, la parola passa agli esperti della balistica

Svolta nell’omicidio di Assane Diallo, trovata in uno scantinato di via delle Querce un’arma che potrebbe essere quella usata dall’assassino