Seguici su Fb - Rss

Martedì, 19 Dicembre 2017 15:33
La curiosità

Rozzano Calcio, i portieri si tuffano nel nerazzuro

Nei giorni scorsi, si è tenuta una seduta di allenamento diretta da Vincenzo Perego, preparatore dei portieri del settore giovanile dell’Inter

Nella foto, tra gli altri, Matteo Capitelli, Daniel Tomala ed Edoardo Battaiola, estremi difensori categoria Esordienti 2005 del Rozzano. Nella foto, tra gli altri, Matteo Capitelli, Daniel Tomala ed Edoardo Battaiola, estremi difensori categoria Esordienti 2005 del Rozzano.

di Francesco Semeraro

Il centro della Polisportiva San Fermo di Rozzano, rinnovato dal nuovo manto in erba sintetica, si è colorato di nerazzurro. Nei giorni scorsi, infatti, si è tenuta una seduta di allenamento diretta da Vincenzo Perego, preparatore dei portieri del settore giovanile dell’Inter. Perego, per l’occasione, ha istruito Matteo Capitelli, Daniel Tomala ed Edoardo Battaiola, estremi difensori categoria Esordienti 2005 del Rozzano.

Formazione doc con gli istruttori targati Inter

L’iniziativa si è tenuta nell’ambito del progetto “Inter Grassroots Program” cui Rozzano aderisce e che prevede una serie di incontri formativi per allenatori e giocatori con gli istruttori dell’Inter. La seduta è stata un’importante occasione per i tecnici del Rozzano Calcio per apprendere nuove metodologie di allenamento su un ruolo particolare del tutto diverso dagli altri. Qui si parla dei numeri uno, di coloro che stazionano tra i pali e che hanno maggiori responsabilità durante le partite essendo gli ultimi  a difendere la porta della propria squadra.

Specializzazione

Perego ha sottolineato l’importanza dell’approccio metodologico dell’allenamento specifico dei portieri che deve essere svolto da un preparatore specializzato. Non ha nemmeno dimenticato di sottolineare come l’allenatore capo deve dare fiducia soprattutto in caso di errore:” A qualsiasi età, il portiere in caso di errore, sa di averlo commesso non c’è bisogno di sottolinearlo durante le partite, ciò lo demoralizzerebbe ulteriormente. È più efficace un intervento correttivo negli allenamenti successivi in condivisione con il preparatore”.

Ruolo in evoluzione

“Negli anni – ha proseguito Perego - il ruolo del portiere è cambiato in maniera notevole, in corrispondenza al cambio delle regole del gioco del calcio”. Il riferimento è alla modifica del regolamento avvenuta nel 1992 che ha stabilito come il portiere non possa più prendere la palla con le mani su retro passaggio del compagno. Questa norma ha fatto nascere l’esigenza di un migliorare anche l’aspetto tecnico del portiere che oggi deve essere bravo con le mani ma anche con i piedi.  Al Rozzano Calcio si è sulla strada giusta. Mani e piedi.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Sport
Giovani atleti crescono
Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Il “bottino” raccolto dalle atlete e atleti della società cesanese è di ben 5 titoli nazionali e 12 medaglie

Sport
Basket giovanile
Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

I piccoli Bionics in trasferta sul Monte Titano per la prima edizione del torneo di minibasket, qualificati alle “final four”  si piazzano al quarto posto

Sport
Che peccato!
Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

I gialloneri hanno la scorza dura: aver vinto Gara 1 contro un avversario temuto durante il campionato ha dato a tutti la consapevolezza di poter superare i propri limiti, ma non è bastato