Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 28 Luglio 2017 10:06
il personaggio

Stagione 2017-2018, i gialloblù sulla rampa di lancio In evidenza

Intervista a Michele Dargenio, direttore sportivo dell’Assago, sulle aspettative della società per la prossima annata

Michele Dargenio, direttore sportivo dell’Assago Michele Dargenio, direttore sportivo dell’Assago

di Antonio Cucci

Da 3 mesi a questa parte, sta lavorando al centro sportivo Comunale di Via Verdi. La sua è una full immersion per dare forma e sostanza alle squadre dell’agonistica gialloblù, a cominciare dai Giovanissimi 2004 e finire alla prima squadra. Qui si parla di Michele Dargenio, una storia lunghissima come allenatore e da 2 anni la nuova avventura come direttore sportivo dell’Assago. "Non nascondo - confessa -  che ho fatto 3 mesi terribili ma gratificanti: tutti i giorni colloqui con i genitori o con altre società, il telefono sempre bollente, ma ora vado a farmi questi 20 giorni di vacanza con soddisfazione per quanto fatto".

Ci racconta la sua esperienza con l’Assago?
"Sono arrivato lo scorso anno e ho cercato di fare tutto il possibile per dare alla società squadre in grado di poter fare un campionato onorevole.Come Ds devo tanto a Fabio Marelli, da cui tutt'ora ho soltanto da imparare: questo di direttore sportivo è per me un lavoro nuovo dopo 28 anni passati sulle panchine come allenatore".

Come si trova in questo ruolo?
"Sono onorato di far parte di questa società. Ho trovato davvero delle persone competenti all'interno di un ambiente ben strutturato. Ognuno si occupa del suo compito e lo fa bene. Sono certo che la società vuole migliorarsi. Sono orgoglioso e l'orgoglio poi è doppio perché mi ritrovo a svolgere un ruolo di primo piano in un momento storico e importante come i 50 anni dalla fondazione".

Entriamo nel dettaglio della prossima stagione…
"Pensiamo di aver creato un buon settore giovanile. Prendiamo gli allievi ad esempio: sia per i 2001 che per i 2002 abbiamo confermato gli allenatori Carbonara e Grimaldi che l'anno scorso hanno lavorato bene e in modo professionale. Nei 2001 abbiamo inserito 9 giocatori che reputo di prospettiva e che possono farci fare il salto di qualità; nella scorsa stagione sono arrivati secondi ma quest'anno punto tantissimo alla conquista della categoria. Anche per gli allievi 2002 abbiamo operato nuovi innesti, l'anno scorso hanno fatto benissimo centrando l'obiettivo nel campionato autunnale, e abbiamo buone speranze sia per i 2001 che per i 2002".

Una panoramica sui Giovanissimi
"Due squadre che possono fare sicuramente bene: i 2003 li abbiamo affidati a uno staff nuovo perchè con l'allenatore Tripodi lavorano 2 ragazzi preparatissimi che fanno scienze motorie e psicologia come Alessandro Evangelista e Luca Maiocco. Quanto ai 2004, la squadra è da considerarsi completamente nuova, pochissimi i ragazzi confermati, e nuovo anche lo staff con Colabella e Bottara".

Adesso mettiamo sotto la lente di ingrandimento, Juniores e Prima Squadra.
"Alla Juniores è confermatissimo mister Massimo De Vecchi, non ha lavorato bene ma di piu, nello scorso campionato è arrivato a un solo punto dai playoff. Anche in quest’ambito abbiamo inserito qualche nuovo giocatore, ora sta a De Vecchi assemblarli. Parlando di prima squadra non nascondiamo che sia cambiata tantissimo. È una rosa giovane, ma io sono fiducioso. Sono ragazzi che fanno la categoria da 3 o 4 anni: questa sarà la loro stagione".

Squadra giovane e mister con tanta esperienza, il mix potrebbe funzionare.
"Abbate è un mio pallino. Tanti allenatori si sono proposti, ma ho insistito per avere lui che con i giovani ha sempre lavorato bene, gli abbiamo allestito una rosa ampia di 23, 24 giocatori ed ora sta a lui metterli in campo nel modo migliore".

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Sport
Sport in acqua
Pallanuoto: dopo il debutto dei master, il tifo si colora di Azzurra

Pallanuoto: dopo il debutto dei master, il tifo si colora di Azzurra

In vasca a Lodi e nella piscina di Buccinasco, prime partite anche per la prima squadra e per i piccoli under 14

Calcio
Campionato di Seconda Categoria
I rossoblù rialzano la testa con una zampata del vecchio bomber

I rossoblù rialzano la testa con una zampata del vecchio bomber

Ancora un gol di Franchina, la punta del Buccinasco, riesumata dalla naftalina in cui giaceva da troppo tempo, sembra vivere una seconda giovinezza

Calcio
Solo un gioco
Assago, pareggio degli Allievi con parapiglia finale

Assago, pareggio degli Allievi con parapiglia finale

I gialloblù sognano la qualificazione al Regionale primaverile, ma la gara di domenica si è chiusa con gli avversari di turno che hanno circondato l’arbitro contestando una sua decisione