Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 15 Maggio 2017 18:13
Palla ovale

Play off rugby: i Chicken Under 16 superano il primo ostacolo

I rozzanesi si aggiudicano la prima prova di questo intenso finale di stagione. Prossimo round contro l‘Ivrea (appuntamento domenica 21 alle 16 durante il Dì del Ghezz alla Bombonera)

Chicken U16 - Fiumicello, play offe di rugby. La battaglia si svolge a centro campo. Prima su un fronte, poi sull’altro Chicken U16 - Fiumicello, play offe di rugby. La battaglia si svolge a centro campo. Prima su un fronte, poi sull’altro

Partita per cuori forti quella giocata in casa dal Chicken Under 16 contro il Fiumicello nella prima partita dei playoff. È stata la prova del fuoco per testare capacità e qualità dei ragazzi di Beppe Sgrò. Il Fiumicello si è dimostrata una squadra difficile da superare, sia sul piano del gioco che su quello fisico.

La partita

Le prime fasi del match fanno subito capire che sarà una gara all’ultimo respiro. Per ogni meta ci sarà da combattere metro dopo metro. La battaglia si svolge a centro campo. Prima su un fronte, poi sull’altro. Il Fiumicello per due volte arriva a un soffio dalla meta, ma senza superarle. Solo verso la fine del primo tempo, riesce a bucare la difesa dei Chicken e a portarsi in vantaggio, non trasformando. Il pregio dei ragazzi è che nessuno si è scoraggiato. Anzi. Sul finale, un’azione corale consente a Montanari di schiacciare in meta: 5 pari e fine primo tempo.

Adrenalina sottozero

Nel secondo, l’arbitro commette qualche errore di troppo nei confronti di entrambe le squadre. Il risultato? Gli animi si accendono sia in campo sia sugli spalti. Il Fiumicello riesce ancora ad andare in meta,. Questa volta la trasformazione gli consente di passare sul  12 a 5. Ma i Chicken non mollano di un millimetro. E mentre cercano di rimontare, un infortunio a un ragazzo del Fiumicello che richiede l’intervento dell’ambulanza e che tiene la partita sospesa per circa 40 minuti. L’adrenalina e la trance agonistica, in questo lasso di tempo, vanno sottozero.  

Calcio decisivo

Si ricomincia. Per fortuna, i gialloverdi non perdono la concentrazione e conquistano subito il pari. Il Fiumicello reagisce e riesce ad andare ancora in meta, ma non trasforma da posizione laterale. La gara sta per finire e sembra segnata.  I ragazzi, però, non mollano e riescono ad andare a segno con Laudicina.  Amadei si assume responsabilità di trasformare il calcio piazzato che può dare la vittoria. Sullo stadio cala il silenzio: la posizione è centralissima e non può sbagliare, ma non si sa mai…

Appuntamento alla Bombonera

Alla fine, gli spalti esplodono in una festa che sembra non possa avere fine. I Chicken 16 conquistano una vittoria di grandissimo carattere. Hanno dato il cuore. Tutti, sia gli infortunati presenti sugli spalti, sia quelli in panchina, prontissimi a entrare in campo all’occorrenza per dare il proprio contributo. Ora si guarda avanti, alla partita di domenica prossima contro l‘Ivrea. L’appuntamento è per domenica 21 alle 16 durante il Dì del Ghezz alla Bombonera.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Sport
Giovani atleti crescono
Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Il “bottino” raccolto dalle atlete e atleti della società cesanese è di ben 5 titoli nazionali e 12 medaglie

Sport
Basket giovanile
Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

I piccoli Bionics in trasferta sul Monte Titano per la prima edizione del torneo di minibasket, qualificati alle “final four”  si piazzano al quarto posto

Sport
Che peccato!
Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

I gialloneri hanno la scorza dura: aver vinto Gara 1 contro un avversario temuto durante il campionato ha dato a tutti la consapevolezza di poter superare i propri limiti, ma non è bastato