Seguici su Fb - Rss

Domenica, 22 Gennaio 2017 17:00
Buccinasco – Esordienti 2005

Trezzano – Buccinasco, amichevole amara per i rossoblù

In attesa della ripresa dei campionati giovanili, altra amichevole per il Buccinasco che va giocare fuori casa contro il Trezzano

Maccari e Artoni tentano inutilmente la via della rete Maccari e Artoni tentano inutilmente la via della rete

Come la settimana scorsa, anche questa volta tra le fila rossoblù ci sono tanti assenti. Il numero dei giocatori è appena sufficiente per scendere in campo tanto che, facendo di necessità virtù, tutti rimarranno sul terreno di gioco per tre tempi, compresi i portieri, schierati in mezzo al campo in ruoli non loro. Schierati quindi tutti gli effettivi disponibili: Zung, Gradeci, Catalano, Artoni, Bianchino, Kryeziu, Maccari, Vinci e Mantovani. Nonostante tutto, i rossoblù partono subito all’attacco e solo dopo appena 20 secondi creano un’occasione conclusa di poco a lato da Maccari. Parte il contropiede del Trezzano con Zung che salva in uscita. Altra occasione per il Buccinasco e ancora Maccari tira fuori. La gara è divertente. Le azioni si susseguono su entrambi i fronti. Tutti i ragazzi ci tengono a fare bella figura. Da una parte e dall'altra.

Ribaltamenti di fronte

Al 10’ fallo di Gradeci e punizione dal limite per il Trezzano che batte fuori. Al 17’, punizione per il Buccinasco calciata da Gradeci su Maccari che solo contro il portiere scaglia la sfera sul palo.  Il Trezzano ribatte colpo su colpo, memore della sconfitta subita sempre in amichevole poco prima di Natale. La prima frazione finisce però 0-0. Seconda frazione. La squadra buccinaschina è la stessa del primo tempo. Cambia solo il portiere: entra Pirchio e Zung prende il posto di Mantovani schierato prima punta. Il Trezzano parte forte ma i suoi attaccanti calciano fuori. I rossoblù non stanno a guardare. Creano ancora un’occasione al terzo minuto con Maccari che manda fuori.

Non è giornata per i rossoblù

Gol sbagliato, gol subito. È la dura legge del calcio. Un pasticcio della difesa e del portiere del Buccinasco permette ai gialloblù di passare in vantaggio 1-0. Non passa nemmeno un minuto e grazie a un nuovo pasticcio in area il Trezzano raddoppia. Al nono ci prova Kryeziu dalla distanza ma calcia fuori. Poco dopo punizione per il Buccinasco battuta ancora da Kryeziu respinta dalla difesa gialloblù con Gradeci che recupera palla, supera in dribbling tre avversari e scarica in rete. 2 a 1 e gara riaperta. I rossoblù ci credono e provano a rimettere nella giusta carreggiata la partita. Purtroppo sono costretti a scoprirsi e il Trezzano su contropiede sigla il 3-1.  Inizia il terzo tempo con il Buccinasco sempre in attacco.  Bianchino, Kryeziu, Gradeci e gli altri ragazzi provano di tutto per rendere meno amara la sconfitta, ma ogni tentativo naufraga per precipitazione prima, per stanchezza dopo. Che non sia giornata lo dimostra la traversa colpita a una manciata di minuti dal termine della gara dai rossoblù.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Sport
Giovani atleti crescono
Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Il “bottino” raccolto dalle atlete e atleti della società cesanese è di ben 5 titoli nazionali e 12 medaglie

Sport
Basket giovanile
Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

I piccoli Bionics in trasferta sul Monte Titano per la prima edizione del torneo di minibasket, qualificati alle “final four”  si piazzano al quarto posto

Sport
Che peccato!
Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

I gialloneri hanno la scorza dura: aver vinto Gara 1 contro un avversario temuto durante il campionato ha dato a tutti la consapevolezza di poter superare i propri limiti, ma non è bastato