Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 21 Maggio 2018 11:40
Allori gialloblù

Ginnastica acrobatica, Idrostar avanti tutta

Dopo le finali di Federazione, le atlete gialloblù si esibiranno sabato 26 e domenica 27 maggio al Parco Pertini per la festa dello Sport di Cesano Boscone

Le cesanesi sfoggiano prestazioni che dimostrano il buonissimo livello raggiunto dalla compagine gialloblù Le cesanesi sfoggiano prestazioni che dimostrano il buonissimo livello raggiunto dalla compagine gialloblù

In quel di Milano, al palazzetto Cambini, si chiude la stagione delle gare di Federazione di ginnastica acrobatica e la Idrostargym Cesano lo fa nel migliore dei modi sfoggiando prestazioni che dimostrano il buonissimo livello raggiunto dalla compagine gialloblù.

Prove di Federazione

Si parte sabato con la 3° prova di Federazione con il 1° dei due esercizi che le  combinazioni cesanesi devono sostenere per poi poter accedere alla finale. La coppia (L4  Open) Elena Petrosillo e Sara Pagliai centra un eccellente 3° posto con l'esercizio statico nonostante le due atlete provino insieme da pochissimo tempo. Il trio (L4 Open) Alice Podestà, Gaia Cuccu e Noemi Taliente si piazza invece 8° e rimane in corsa per la qualificazione alla finale. Il trio (L4 Silver) Giada Tobaldo, Martina Tamburiello e Nicole Coppola, già qualificato per la finale, si piazza 3° nell'esercizio dinamico.

Penalizzate dalla giuria

Domenica mattina si disputa il secondo e decisivo esercizio per la qualificazione alle finali. Come è andata? Con molte luci e qualche ombra, soprattutto per quanto riguarda alcune valutazioni della giuria che sembrano penalizzare le atlete gialloblù. La coppia Elena Petrosillo e Sara Pagliai nell'esercizio dinamico si piazza 4° e sfiora il meritatissimo podio.  Il trio Alice Podestà, Gaia Cuccu e Noemi Taliente esegue l’esercizio dinamico in maniera eccellente ma, con molta delusione e incredulità, i giudici non lo valutano allo stesso modo. L’ 8° posto è un piazzamento che non permette l’accesso alla finale. Le perplessità per il punteggio attribuito dominano la mattinata.

Trio da podio

Il trio Giada Tobaldo Martina Tamburiello e Nicole Coppola esegue l’esercizio statico e pur migliorando rimane al 3° posto conquistando comunque il podio e preparandosi per la finale disputata qualche ora dopo.
La domenica pomeriggio viene quindi vissuta tra finali delle varie categorie. In quest’ambito, il trio si migliora ancora con un'ottima prestazione ma lo stesso fanno le altre due compagini davanti e quindi nella classifica finale conferma ancora il 3° posto.

Appuntamento a Cesano

Nonostante l’amarezza per qualche punteggio, le istruttrici e istruttori terminano la stagione di Federazione molto contente e orgogliose per i risultati e i progressi manifestati per il secondo anno consecutivo. La compagine cesanese si esibirà sabato 26 e domenica 27 maggio al Parco Pertini per la festa dello Sport di Cesano Boscone per poi concentrarsi sulle finali nazionali di Uisp che si svolgeranno a Formigine (Modena) dal 1 al 3 giugno.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Sport
Giovani atleti crescono
Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Il “bottino” raccolto dalle atlete e atleti della società cesanese è di ben 5 titoli nazionali e 12 medaglie

Sport
Basket giovanile
Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

I piccoli Bionics in trasferta sul Monte Titano per la prima edizione del torneo di minibasket, qualificati alle “final four”  si piazzano al quarto posto

Sport
Che peccato!
Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

I gialloneri hanno la scorza dura: aver vinto Gara 1 contro un avversario temuto durante il campionato ha dato a tutti la consapevolezza di poter superare i propri limiti, ma non è bastato