Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 19 Marzo 2018 11:51
Campionato di Seconda Categoria

Il Buccinasco perde con l’ultima della classe e mette a rischio i play off

Il Travaglia che non aveva mai vinto nemmeno una partita in tutto il campionato, allo Scirea ha fatto un figurone

Nella foto, l'allenatore del Buccinasco, Carrara Nella foto, l'allenatore del Buccinasco, Carrara

In tutto il campionato non avevano mai vinto, nemmeno una partita (7 pareggi e 15 sconfitte, lo score dei corsichesi). Ieri, i ragazzi del Travaglia, fanalino di coda del girone S del campionato di Seconda Categoria, si sono tolti la soddisfazione di battere i rossoblù, ormai alla terza sconfitta consecutiva, e li hanno fatti precipitare ai margini della zona play off.

Approccio sbagliato

Il Buccinasco sbaglia l'approccio alla partita e viene surclassato sul piano della voglia e del gioco dal Travaglia. Nei primi 45 minuti, i padroni di casa non riescono quasi mai ad arrivare alla conclusione e devono ringraziare uno strepitoso Basile che respinge tutte le occasioni da gol create dal Travaglia. Così il primo tempo si chiude sullo 0 a 0.

Miracolo del portiere

Nel secondo tempo ci sono subito due cambi per il Buccinasco: escono Vendramini e Di Pierro dentro Franchina e Pavesi. I rossoblù partono più convinti nel cercare il vantaggio e sfiorano subito il gol con Plachesi che dal limite lascia partire un gran destro. Il portiere del Travaglia para ma non trattiene: sulla respinta si avventa Franchina ma il suo tap-in viene ancora ribattuto dall'estremo difensore corsichese. Ancora in avanti il Buccinasco che data l’impraticabilità del campo è costretto a calciare spesso la palla verso l'area di rigore sperando nel colpo di genio di qualcuno dei suoi attaccanti. Tutti gli assalti, però vengono sventati dai difensori corsichesi molto attenti e precisi nelle chiusure.

Sconfitta di rigore

Intorno alla mezz'ora, l'episodio che cambia la partita.  L’esterno alto del Travaglia si fa tutta la fascia sinistra palla al piede, entra in area di rigore e viene steso da De Tullio. L'arbitro non ha dubbi e decreta un calcio di rigore. Lo stesso giocatore trasforma mettendo la palla alle spalle di Basile, e siglando l’1 a 0. Carrara inserisce un’altra punta, Saracino, per cercare di raddrizzare la partita ma ormai è troppo tardi. Con questa sconfitta, il Buccinasco viene raggiunto anche dalla Freccia Azzurra, con l'Aprile 81 dietro di 2 punti ma con una partita da recuperare. In caso di vittoria dei milanesi sarebbe fuori dai playoff.

Situazione seria

Non solo. A soli due punti di distanza si trova l'Orione, sconfitto dal Muggiano e si avvicinano anche la Viscontini, ieri  vincitrice del duello con la capolista Carducci per 2 a 0, e il Villapizzone che con una partita da recuperare potrebbe portarsi a soli 3 punti. La situazione si sta facendo seria: con Carducci e Rozzano a +14 dalla terza in classifica rimane un solo posto giocabile per i playoff, Carrara dovrà cercare in fretta una soluzione se vuole tenersi stretta una panchina che inizia a scottare.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Sport
Giovani atleti crescono
Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Finali nazionali di ginnastica, l’Idrostar chiude con il botto

Il “bottino” raccolto dalle atlete e atleti della società cesanese è di ben 5 titoli nazionali e 12 medaglie

Sport
Basket giovanile
Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

Gli Scoiattoli di Buccinasco provano a scalare la rocca di San Marino

I piccoli Bionics in trasferta sul Monte Titano per la prima edizione del torneo di minibasket, qualificati alle “final four”  si piazzano al quarto posto

Sport
Che peccato!
Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

Play off: i Bionics perdono la "bella" con Cantù e dicono addio alla Serie C Gold

I gialloneri hanno la scorza dura: aver vinto Gara 1 contro un avversario temuto durante il campionato ha dato a tutti la consapevolezza di poter superare i propri limiti, ma non è bastato