Seguici su Fb - Rss

Domenica, 14 Gennaio 2018 12:20
Si temeva una strage

Rozzano, fuga di gas fa esplodere la casa del custode della pista di minimoto In evidenza

Dalle macerie sono stati estratte tre persone, due sono state subito ricoverate negli ospedali della zona,la terza è stata medicata sul posto

Nella foto fornita dai Vigili del Fuoco, le macerie dopo l'esplosione Nella foto fornita dai Vigili del Fuoco, le macerie dopo l'esplosione

Il boato si è sentito a chilometri di distanza. Certamente ha svegliato tutti i residenti di Quinto de Stampi, almeno quelli che alle 8,30 di questa mattina dormivano ancora. Tutti gli altri si sono affacciati alle finestre per capire cosa fosse successo: hanno visto una altissima colonna di fumo nero levarsi verso il cielo.

Temuta una strage

L’esplosione è avvenuta all’interno del circuito riservato alle minimoto di via Curiel. Immediati sono scattati i soccorsi. Si temeva una strage. In via Curiel sono arrivati, in forze, pompieri, carabinieri, elisoccorso. Lo spettacolo che si è presentato ai loro occhi  è stato il cumulo di macerie fumanti dell’appartamento del custode della pista.

Il miracolo

Entrare nel circuito non è stato facile. La strada di raccordo tra Rozzano e Quinto de Stampi si è presentata come un campo di battaglia, colma di detriti. Dopo una prima ricognizione  si è pensato subito al miracolo: dalle macerie sono stati estratte tre persone. Due sono stranieri provenienti dal Gambia, che alloggiavano nella struttura: sono stati subito ricoverati mediante l'elisoccorso al Niguarda con gravi ustioni, il terzo si è fatto medicare sul posto dagli operatori del 118. Al momento, nessuno è in pericolo di vita.

L'errore fatale

Scattati i rilievi, i vigili del fuoco hanno ipotizzato che l’esplosione sia stata causata  da una fuga di gas dalla caldaia collocata all'esterno dell'edificio. Questo particolare avrebbe evitato la strage. Secondo le indagini, il custode del circuito, questa mattina ha sentito un forte odore di gas. Potrebbe aver commesso l’errore più grave che si possa fare in questi casi: ha acceso la luce. Subito dopo l'edificio gli è crollato addosso.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
L'agguato
Corsico ripiomba nella paura, sono dieci i colpi di pistola che hanno ucciso Assiane

Corsico ripiomba nella paura, sono dieci i colpi di pistola che hanno ucciso Assiane

Diallo, senegalese, 54 anni, con piccoli precedenti penali risalenti a quattro lustri fa, è stato ucciso in via delle Querce. Lavorava nel settore della sicurezza

Cronaca
Omicidio nella notte
Senegalese assassinato a Corsico, le indagini puntano in più direzioni

Senegalese assassinato a Corsico, le indagini puntano in più direzioni

Criminalità o razzismo? Tocca agli investigatori dipanare l'intricata matassa che al momento avvolge l'agguato di questa notte

Cronaca
Uso e Abuso
Mix alcol e droga dopo il Ramadan, marocchino in pericolo di vita

Mix alcol e droga dopo il Ramadan, marocchino in pericolo di vita

L'uomo ora è ricoverato in pericolo di vita alla clinica Humanitas di Rozzano, dove versa in terapia intensiva