Seguici su Fb - Rss

Sabato, 16 Dicembre 2017 18:05
La polemica

Abbattuto (parzialmente) il boschetto del cimitero di Valleambrosia

Gli alberi costituivano un’area boschiva che si affaccia su via Aspromonte, a Rozzano, tra il Borgo dei fiori e il cavalcavia del Lambro

I tronchi accatastati sul ciglio della strada non mostrerebbero particolari malattie o marciume I tronchi accatastati sul ciglio della strada non mostrerebbero particolari malattie o marciume

Sta per scatenare una nuova polemica, a Rozzano, il taglio di una parte del pioppeto che circonda il cimitero di Valleambrosia. Sarebbero troppe le piante abbattute e non tutte malate. L’allarme è stato lanciato da Marco del Gaizo del comitato di quartiere Valleambrosia che si è anche chiesto se il comune ha fatto eseguire qualche perizia prima di procedere.

La caduta dei rami

Gli alberi oggetto del taglio costituivano un’area boschiva che si affaccia su via Aspromonte, a Rozzano, tra il Borgo dei fiori e il cavalcavia del Lambro.  Secondo il Comune, il loro abbattimento è stato imposto da motivi di sicurezza legati alla loro età e per evitare, con la caduta dei rami, eventuali pericoli per la carreggiata. Il problema è che secondo Del Gaizo, che ha postato una serie di foto dei lavori sul suo profilo Facebook, ne sarebbero stati abbattuti una cinquantina. Non solo. I tronchi accatastati sul ciglio della strada non mostrerebbero particolari malattie o marciume.

A rischio esondazione

Perché allora sono stati recisi? Se davvero quelli abbattuti erano ammalati, saranno sostituiti da nuove essenze? Che fine hanno fatto i nidi che erano sulle cime degli alberi? Sull’area, che è a rischio esondazione da parte del Lambro, qualche tempo fa si dovevano realizzare degli orti, c’è stato anche chi voleva trasformarla in un parco naturalistico, poi ogni progetto è stato abbandonato. Le domanda che molti si pongono sono: “Cosa nasconde questo improvviso interesse per quell’area?” oppure “Qualche ramo caduto durante lo scorso autunno, giustifica un intervento così massiccio?”

Seguici sulla nostra pagina Facebook

1 commento

  • Link al commento ivan limardi Mercoledì, 20 Dicembre 2017 07:15 inviato da ivan limardi

    di sicuro c'è sotto qualche progetto, il problema dei rami si poteva risolvere con la potatura evitando l'abbattimento.
    stanno devastando le aree verdi di rozzano sostituendoli con palazzi, e rotonde.
    vergogna

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Pronto al via un progetto di riqualificazione
Ex deposito Atm di Corsico: un parcheggio per il centro storico?

Ex deposito Atm di Corsico: un parcheggio per il centro storico?

Illustrata ieri una proposta per trasformare l'ex rimessa dopo decenni di oblìo. Dall'accettazione della proprietà al gradimento della cittadinanza, le insidie non mancano

Attualità
Il dibattito
Cosa lasciare "dopo di noi" ai familiari con disabilità gravi

Cosa lasciare "dopo di noi" ai familiari con disabilità gravi

In Cascina Robbiolo a Buccinasco l'Assessorato al Welfare ha organizzato un incontro per spiegare la legge che prevede misure dirette a supportare il percorso di vita delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare

Attualità
L'iniziativa
Lasabrial incontra i suoi fan all’Auchan di Cesano Boscone

Lasabrial incontra i suoi fan all’Auchan di Cesano Boscone

L’appuntamento con la giovane youtuber è per domenica 24 giugno quando parlerà e si farà fotografare dal vivo con i suoi follower