Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 07 Giugno 2017 14:14
Il mistero

Il cadavere di una donna affiora dal Lambro In evidenza

È il secondo in poco meno di due settimane nella stessa zona di Rozzano. Il corpo, recuperato dai vigili del fuoco, non presenta segni di violenza

é stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per recuperare il cadavere é stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per recuperare il cadavere

Il corpo di una donna dall’apparente età di 35/40 anni è stato trovato nelle acque del Lambro, nel tratto che attraversa Rozzano. Il cadavere era incastrato tra la chiusa di via Aspromonte/Franchi Maggi, al quartiere Quinto Stampi. L’allarme è scattato questa mattina. A lanciarlo alcuni passanti che l’hanno visto affiorare dalle acque del fiume. Sono stati subito allertati i vigili del fuoco e i carabinieri.

Senza nome

I primi hanno recuperato il cadavere, i secondi hanno subito cominciato le indagini per scoprire come e quando la donna sia deceduta e come sia finita nella chiusa. I militari hanno cercato di identificarla, ma sino a questo momento non le è stato dato un nome. Di carnagione chiara, all’apparenza non presenta segni di morte violenta.

Il secondo cadavere

Potrebbe essere un suicidio, anche se il suo ritrovamento presenta aspetti perlomeno curiosi. Solo due settimane fa, infatti, a pochi metri di distanza, fu scoperto il cadavere di un uomo, un clochard bulgaro di 58 anni senza fissa dimora. Anche in quel caso il corpo fu notato da alcuni passanti, prima di sparire.  Fu necessario l’intervento di un elicottero e di squadre sommozzatori per recuperarlo, avvistato da un addetto alle chiuse del fiume Lambro, in un canale secondario del fiume.

Interrogativi senza risposta

In quel caso, nelle tasche dell'uomo c'erano diverse tessere di associazioni benefiche e centri di assistenza, che avevano permesso la sua identificazione. Nel caso del corpo ritrovato questa mattina, il mistero regna sovrano. I carabinieri avrebbero escluso l'omicidio e ipotizzano che la donna possa essere scivolata nel fiume, forse per un malore, forse per disattenzione. Non viene esclusa nemmeno l’ipotesi del suicidio. A tutti gli interrogativi sollevati dal suo ritrovamento dovranno rispondere gli investigatori ai quali sono state affidate le indagini.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Riciclaggio auto rubata e spaccio, gli autori finiscono cella

Riciclaggio auto rubata e spaccio, gli autori finiscono cella

Il primo era a bordo di un veicolo con targa falsa, il secondo stava vendendo cocaina ad alcuni suoi clienti

Cronaca
Giornata nera per l'Arma
Carabiniere di Rozzano arrestato per possesso di sostanze dopanti

Carabiniere di Rozzano arrestato per possesso di sostanze dopanti

Durante la perquisizione dell’abitazione del militare sono state trovate confezioni di nandrolone, un derivato del testosterone

Cronaca
Quando la fantasia non ha limiti
Nasconde la cocaina nel cappottino del cane, arrestato pusher di Cesano

Nasconde la cocaina nel cappottino del cane, arrestato pusher di Cesano

L'uomo, di origini pugliesi, è stato ammanettato assieme a un complice mentre si scambiavano dosi di cocaina e hashish all'interno di un'area cani a Milano