Seguici su Fb - Rss

Sabato, 16 Giugno 2018 19:12
Uso e Abuso

Mix alcol e droga dopo il Ramadan, marocchino in pericolo di vita

L'uomo ora è ricoverato in pericolo di vita alla clinica Humanitas di Rozzano, dove versa in terapia intensiva

Nell'immagina una pattuglia dei carabinieri arrivata in soccorso del marocchino Nell'immagina una pattuglia dei carabinieri arrivata in soccorso del marocchino

Doveva festeggiare la fine del Ramadan, invece ha esagerato, assumendo un mix di alcol e droga. Per questo motivo un marocchino di 28 anni ora è ricoverato in pericolo di vita alla clinica Humanitas di Rozzano, dove versa in terapia intensiva.

L'allarme delle coinquiline

L'uomo è rientrato nel suo appartamento attorno alle 23.30 di ieri dopo aver festeggiato in giro. In casa c'erano due connazionali che hanno notato subito il suo malessere, ma hanno sorvolato pensando che sarebbe bastato dormire. Durante la notte, però, il marocchino è stato male e le coinquiline hanno chiamato il 118, che a sua volta ha avvertito i carabinieri. 

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità
Tre rumeni”pizzicati” dopo un furto all’Auchan

Tre rumeni”pizzicati” dopo un furto all’Auchan

Si tratta di due uomini e una donna con precedenti  penali residenti a Rozzano

Cronaca
Presi con le mani nel sacco
Via Copernico: in due rapinano un ragazzino, bloccati dai carabinieri

Via Copernico: in due rapinano un ragazzino, bloccati dai carabinieri

Così due giovanissimi incensurati si sono messi nei guai e sono finiti agli arresti domiciliari in attesa del processo che deciderà del loro futuro

Cronaca
Il Gip ordina l'arresto
Finisce in manette ladra specializzata in furti ad anziani

Finisce in manette ladra specializzata in furti ad anziani

Era riuscita a rubare la borsa a una 87enne mentre era in visita al marito ricoverato alla Sacra Famigia di Cesano Boscone