Seguici su Fb - Rss

Martedì, 22 Maggio 2018 10:33
Curatori al lavoro

Fallimento Api: in attesa degli immobili, venduti gli automezzi In evidenza

Gli incaricati del Tribunale di Milano si sono presentati ieri ai cancelli dei depositi di via Monte Amiata, in via Monte Penice e sull’Alzaia Naviglio Pavese e hanno fatto piazza pulita

Gli incaricati si sono presentati ieri ai cancelli dei depositi di via Monte Amiata, in via monte Penice e sull’Alzaia Naviglio Pavese (foto da Facebook / Rozzano Futuro Gli incaricati si sono presentati ieri ai cancelli dei depositi di via Monte Amiata, in via monte Penice e sull’Alzaia Naviglio Pavese (foto da Facebook / Rozzano Futuro

Sono arrivati con carri attrezzi e tir e hanno cominciato a portare via tutti gli automezzi di proprietà dell’Api, la municipalizzata rozzanese fallita lo scorso anno: sono stati messi in vendita dai curatori fallimentari, Corrado Camisasca, Andrea Merlo e Roberta Zorloni, nominati dal tribunale di Milano.

Una tappa del calvario

Gli incaricati si sono presentati ieri ai cancelli dei depositi di via Monte Amiata (nella ex scuola), in via monte Penice e sull’Alzaia Naviglio Pavese e hanno fatto piazza pulita. Tra gli automezzi ritirati, alcuni spargisale e mezzi specifici per la manutenzione del verde.  La notizia è stata diffusa nel pomeriggio dal blog Rozzano Futuro. È un’altra tappa del lungo calvario che caratterizza la vicenda Api. Non è però l’ultima.

Il prossimo pit stop

Conclusa la vendita di beni mobili si passera all’incanto degli immobili, come la vecchia sede della stessa Api, in viale Lombardia 105. L’edificio fa parte di quelle proprietà Ama che erano state trasferite ad Api per capitalizzarla, quando la società era stata costituita, o subito dopo. Ci sono anche altri immobili, terreni, piscine e addirittura la struttura che ospita la centrale termica costruita all’interno del centro sportivo Rozzano Calcio che il curatore valuta attorno ai 400mila euro.

In attesa delle perizie

Tutto sarà venduto per recuperare la montagna di soldi spariti nella voragine che ha inghiottito la municipalizzata rozzanese. Dallo studio della dottoressa Zorloni fanno sapere che l’incanto degli automezzi è gestita dalla Sivag, la società delegata dal Tribunale di Milano alla vendita giudiziale di beni provenienti da fallimenti o sequestri. Per quanto riguarda invece la valutazione dei beni immobili, non sarebbero ancora completate tutte le perizie che ne determinino il valore. Il prossimo 15 ottobre ci sarà un’udienza di verifica. Se le perizie fossero pronte, subito dopo dovrebbero partire le aste per la loro vendita.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
L'interrogatorio
Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Il Giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo e imposto il carcere a Fabrizio Butà, l’assassino del senegalese ucciso sabato scorso a Corsico 

Cronaca
La fine dell'incubo
Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Fabrizio Butà ha confessato di essere il killer Assan Diallo, il senegalese ucciso sabato notte al quartiere Lavagna

Cronaca
Svolta nelle indagini
Delitto di Corsico: trovata una pistola, la parola passa agli esperti della balistica

Delitto di Corsico: trovata una pistola, la parola passa agli esperti della balistica

Svolta nell’omicidio di Assane Diallo, trovata in uno scantinato di via delle Querce un’arma che potrebbe essere quella usata dall’assassino