Seguici su Fb - Rss

Martedì, 06 Dicembre 2016 17:59
Arriva il Cognitive computing

Il super Pc fa da tutor agli studenti di Humanitas University

Quello di Rozzano è il primo centro di eccellenza in Europa a utilizzare Watson, il super computer  IBM nella facoltà di medicina. L’obiettivo è potenziare le capacità dei propri allievi

Attualmente il ruolo di tutor è affidato ai medici dell’ospedale, e al loro lavoro in reparto a fianco degli studenti Attualmente il ruolo di tutor è affidato ai medici dell’ospedale, e al loro lavoro in reparto a fianco degli studenti

Elementare Watson, elementare. L’intercalare di Sherlock Holmes torna di moda a Rozzano. Non si tratta di nuove inchieste del re dei detective, ma di una novità che interessa gli studenti di Humanitas University. Quella di Rozzano, infatti, è la prima università in Europa ad utilizzare Watson, il super computer  IBM nella facoltà di medicina. Questo, in sintesi, lo scopo del progetto di collaborazione sottoscritto tra IBM e Humanitas University: l’introduzione in corsia delle tecnologie cognitive a supporto dell’insegnamento e della ricerca nel settore medico. Il progetto di ricerca vedrà l’applicazione del cognitive computing IBM al percorso di formazione degli studenti in modo da potenziarne le capacità.

Studio personalizzato

Il piano prevede la creazione e la sperimentazione di un Tutor Cognitivo per assistere sia i medici sia gli studenti di Medicina. Alimentato da Watson Developer Cloud, il tutor offrirà piattaforme di studio personalizzato attraverso la scelta di contenuti, simulazioni, commenti e approfondimenti basati sul livello di conoscenze del singolo studente, mediante una semplice interfaccia quale può essere un’app. L’iniziativa risponde alla necessità di Humanitas University di rendere sempre più efficiente ed efficace il percorso formativo degli studenti di Medicina dal 3° anno di studi, nel loro passaggio dalla teoria alla pratica clinica.

Il Tutor Cognitivo Medico

Attualmente il ruolo di tutor è affidato ai medici dell’ospedale, e al loro lavoro in reparto a fianco degli studenti chiamati ad affrontare i primi casi e le prime diagnosi.  Il Tutor Cognitivo Medico offrirà contenuti di tipo medico e clinico, curati da Humanitas University sulla base della letteratura scientifica, delle informazioni ricavate dai pazienti in forma anonima come le cartelle cliniche in formato elettronico (EMR) e dell’esperienza dei medici di Humanitas. Inoltre aiuterà gli studenti a esplorare situazioni complesse e a scegliere tra diverse informazioni cliniche, aumentando le loro capacità potenziali al momento di simulare decisioni di tipo medico in termini di diagnosi, esami e cure. Come avviene per tutte le soluzioni cognitive in ??campo medico, il sistema non sostituisce i docenti di medicina, ma li assiste nella loro attività attraverso una selezione ragionata di casi e per mezzo di un pannello che permette il controllo sulle scelte e sulle misure adottate dagli studenti.

Elevata efficacia

Elementi decisivi per la scelta sono stati il ??carattere strategico degli strumenti cognitivi nell'evoluzione della pratica medica, il valore clinico e scientifico della soluzione e l’elevata efficacia resa possibile da un miglior utilizzo del tempo dei medici e dallo sviluppo di un tutor personalizzato per gli studenti.

Altro in questa categoria: La Casa del Riuso, valori da condividere »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti