Seguici su Fb - Rss

Martedì, 06 Febbraio 2018 13:27
La speranza

Rozzano, al via nuovo studio europeo per la cura della Sla In evidenza

Giovedì 8 e venerdì 9 febbraio, i massimi esperti internazionali si riuniranno nella Humanitas University e daranno il via alla sperimentazione di un nuovo farmaco contro questa malattia per la quale, attualmente, non esiste cura

Nella foto Stefano Borgonovo, ex calciatore morto a causa della Sla, e Roberto Baggio Nella foto Stefano Borgonovo, ex calciatore morto a causa della Sla, e Roberto Baggio

Solo pochi giorni fa, una donna di 49 anni malata di Sla, Patrizia Cocco, ha deciso di "staccare la spina" e di lasciarsi morire. La donna, dopo aver combattuto inutlmente per cinque anni la sua malattia, se n'è andata con il sorriso, stringendo la mano di sua madre e dei suoi cari.

Pronti al via

Giovedì 8 e venerdì 9 febbraio, a Rozzano, i massimi esperti a livello internazionale di Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) si riuniranno nella Humanitas University e daranno il via alla sperimentazione di un nuovo farmaco contro questa malattia per la quale, attualmente, non esiste cura. All’incontro parteciperanno i maggiori studiosi della malattia provenienti da Italia, Irlanda, Gran Bretagna, Germania, Francia, Paesi Bassi e Belgio.

Il contributo Ue

Si chiama "Tudca-Als Kick-off meeting" ed è il primo atto dell'organizzazione dello studio clinico internazionale coordinato da Humanitas, risultato primo su 127 partecipanti al bando Horizon 2020 per malattie rare e farmaci orfani. Lo studio sarà finanziato con un contributo di circa 5,6 milioni di euro erogato dalla Commissione Europea.

Muscoli paralizzati

La Sla, nota anche come malattia di Lou Gehrig (dal nome di un giocatore di baseball degli anni '30 la cui malattia sollevò l'attenzione pubblica), è una malattia neurodegenerativa progressiva dell’età adulta, che conduce alla paralisi dei muscoli volontari fino a coinvolgere anche quelli respiratori.

Incurabile

“Lo studio guidato da Humanitas durerà quattro anni e consentirà di valutare l’efficacia di un nuovo farmaco derivato dagli acidi biliari, il Tauroursodeoxycholic Acid (Tudca) - spiega il Prof. Alberto Albanese, Responsabile di Neurologia di Humanitas. Al momento l’unico trattamento per la Sla è in grado solo di rallentare la progressione della patologia: non esiste una cura vera e propria.

La speranza

Il nuovo farmaco derivato dagli acidi biliari ha già dimostrato, in un primo lavoro esplorativo su 60 pazienti, di prevenire la degenerazione dei motoneuroni colpiti dalla malattia, rallentando di circa un terzo il processo degenerativo neuronale e consentendo così un prolungamento della sopravvivenza dei pazienti.  

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La novità
Apre al Tessera il nuovo centro socio-sanitario

Apre al Tessera il nuovo centro socio-sanitario

Un regalo utile e prezioso nel cinquantesimo anno di vita del quartiere cesanese

Attualità
Difesa dell'ambiente
Inquinamento Naviglio Pavese: l’Associazione Parco sud invia un esposto

Inquinamento Naviglio Pavese: l’Associazione Parco sud invia un esposto

I volontari hanno scoperto un tubo di scarico che sporge da un’azienda e si affaccia proprio sulle acque del canale, circondato da residui di sostanze oleose

Attualità
La "querelle"
Papalia: quel cortile è mio! Pruiti: no è di tutti

Papalia: quel cortile è mio! Pruiti: no è di tutti

Approvato un ordine del giorno urgente in appoggio alla scelta dell’amministrazione di opporsi alle richieste del vecchio boss