Seguici su Fb - Rss

Martedì, 05 Dicembre 2017 15:24
Il presidio

Mamma dell’Ikea licenziata, chiesto il reintegro

Sindacalisti e politici al presidio organizzato davanti alla filiale  di Corsico in difesa del posto di lavoro di Marica Ricutti, madre di bimbo disabile e lasciata a casa dopo 17 anni

Nell'immagine, Marica Ricutti, la mamma di due figli piccoli, licenziata dall'Ikea di Corsico Nell'immagine, Marica Ricutti, la mamma di due figli piccoli, licenziata dall'Ikea di Corsico

Secondo gli organizzatori sono stati qualche centinaio, secondo l’azienda solo 47 su 1407.  È come al solito una guerra di cifre. Da un lato, i sindacati che hanno organizzato uno sciopero nelle filiali di Corsico, San Giuliano e Carugate, per difendere i diritti di  Marica Ricutti, la madre di due figli di cui uno disabile, licenziata dalla multinazionale svedese la scorsa settimana, dopo 17 anni di lavoro. Dall’altro l’azienda che fornisce su entrambi gli episodi versioni diverse.

Reintegrare Marica

Ieri mattina al presidio organizzato dai colleghi di Marica a Corsico c’erano un centinaio di persone compreso una delegazione del Pd  composta dai segretari di  Corsico, Stefano Ventura, e di Cesano Boscone, Aurelio Lombardi. Tutti, esponenti politici e sindacali hanno chiesto all'azienda svedese “di ripensare il provvedimento e reintegrare Marica, ingiustamente licenziata".

La versione Ikea

La versione dell’azienda e di alcuni colleghi della stessa Marica è leggermente diversa. La prima sostiene che la dipendente lasciata a casa avrebbe lavorato solo qualche giorno durante gli ultimi mesi, per i secondi, troppo spesso, la stessa Ricutti utilizzerebbe i problemi dei propri figli come alibi per ottenere facility sul posto di lavoro.

Parole che commuovono

Difficile in questa fase individuare dove sta la verità. Certamente non lasciano indifferenti le parole usate dalla stessa Marica durante il presidio per denunciare il proprio stato d’animo e quello che ritiene un sopruso: «Ho dato la mia vita a questa azienda che ora ha deciso di calpestare la mia dignità di donna, mamma e lavoratrice.  Non ho chiesto privilegi, ma soltanto un modo per poter conciliare i tempi del lavoro con la mia difficile vita familiare»

Lavoratori come mobili

Sarcastico il commento di Marco Beretta della Filcams-Cgil: «Ikea considera i lavoratori come dei mobili da montare e smontare a piacimento. È ora di dire basta». A Beretta ha fatto eco Pietro Bussolati, segretario metropolitano del partito di  Renzi, «Chiediamo all'azienda svedese di tradurre in fatti i valori che ha sempre sponsorizzato, comprese l'attenzione al benessere dei lavoratori e la conciliazione maternità e lavoro» .

Seguici sulla nostra pagina Facebook
 

Pubblicità

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'incontro con i lavoratori
Attualità
L'anniversario
La nonnina di Buccinasco compie cent’anni

La nonnina di Buccinasco compie cent’anni

Giovannina Toffanin ha festeggiato il suo compleanno con tutte le sue amiche ospiti della Fondazione Pontirolo

Attualità
La vertenza sindacale
Baci Perugina- Nestlè, nessun licenziamento ad Assago

Baci Perugina- Nestlè, nessun licenziamento ad Assago

La multinazionale e sindacati scrivono la parola fine in fondo alla vertenza sulla Perugina senza alcun licenziamento

Attualità
Traffico impazzito
Mattinata da incubo sulla nuova Vigevanese

Mattinata da incubo sulla nuova Vigevanese

Un banale incidente al semaforo dello svincolo della Tangenziale Ovest ha provocato una coda interminabile