Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 29 Novembre 2017 17:38
Caso nazionale

Mamma dell’Ikea licenziata, presentata un’interrogazione parlamentare In evidenza

Secondo il Pd “Una grande azienda dovrebbe porre il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici al centro dell'organizzazione e dovrebbe conciliare lavoro e maternità senza creare alcuna discriminazione”

Il "caso Ikea" finisce in Parlamento grazie a un'interrogazione del Pd Il "caso Ikea" finisce in Parlamento grazie a un'interrogazione del Pd

Una vera bufera. É quella che si è scatenata sull’Ikea di Corsico che ieri ha licenziato Maria Ricutti, 39 anni, laureata in scienze alimentary, una madre di due figli di cui uno, il più piccolo è portatore di handicap.  Il licenziamento è diventato un caso nazionale che ha interessato i grandi giornali, radio e Tv  La donna lavorava alle dipendenze del colosso svedese da più di 17 anni.

Flessibilità negata

Sino a qualche mese fa era impiegata al bistrot poi è stata assegnata al ristorante. Lei aveva accettato il trasferimento, ma aveva anche chiesto di avere orari flessibili che gli permettessero di accudire i suoi figli, uno di dieci anni e uno di cinque, disabile. Per accudirli non può presentarsi al lavoro alle 7 di mattina. 

Conciliare lavoro e maternità

Tra le mille voci che si sono levate a sua difesa anche quella del Pd di Corsico che ha definite quello dei dirigenti Ikea un provvedimento sbagliato e ha invitato l’azienda a “rimettereal centro delle logiche organizzative il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici”. In una nota stampa il Pd ha sottolineato come   “ritiene incomprensibile la scelta di Ikea di licenziare una lavoratrice a causa di oggettive problematiche familiari. Una grande azienda dovrebbe porre il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici al centro dell'organizzazione e dovrebbe conciliare lavoro e maternità senza creare alcuna discriminazione”.

Interrogazione parlamentare

“Già da tempo invece,” continua il comunicato “ad Ikea Corsico si verificano scorrettezze nei confronti dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali. Per questi motivi, come dichiarato da Titti Di Salvo, il Pd ha depositato un'interrogazione parlamentare per chiarire le motivazioni che hanno spinto "IKEA a licenziare una madre separata con due figli piccoli, di cui uno disabile”. Il PD invita quindi IKEA a ritirare il provvedimento e parteciperà al presidio promosso dei lavoratori per il 5 Dicembre con il segretario Metropolitano Pietro Bussolati e il segretario di Corsico Stefano Ventura.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Dopo il calo delle iscrizioni
Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Simone Negri si trasforma in testimonial e invita i residenti a iscrivere i propri figli negli istituti cesanesi, in cui, negli ultimi anni si è registrato un calo di iscritti

Attualità
La scoperta
Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

A poche ore dalla pubblicazione dell'articolo di pocketnews.it sulle anomalie rilevate dalla commissione mensa nella struttura di via Indipendenza, la giunta pubblica un comunicato stampa che conferma l'episodio e annuncia un confronto con l'azienda appaltatrice

Attualità
Sanità pubblica
Tutti i segreti della nuova riforma della sanità

Tutti i segreti della nuova riforma della sanità

Le novità introdotte da Regione Lombardia che riguardano i malati cronici spiegate ai residenti di Cesano. Chi vorrà, potrà avvalersi di un “tutor” che lo assisterà con piani terapeutici programmati