Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 29 Novembre 2017 13:12
L'assemblea

Corsico, al via il “tour de force” per il nuovo Pgt (Piano regolatore)

La parola d’ordine della giunta è: riqualificare. Non mancano però le contraddizioni come sottolineato dal capogruppo Pd Luigi Salerno

Nella foto, il Saloncino La Pianta affollato di residenti e politici per il via del tour del nuovo Pgt di Corsico Nella foto, il Saloncino La Pianta affollato di residenti e politici per il via del tour del nuovo Pgt di Corsico

È iniziato dal Saloncino La Pianta di Corsico il tour per la definizione del nuovo Pgt (piano regolatore) della città. Il frontman dell’esibizione di ieri sera, il sindaco Errante che ha lanciato uno slogan di borelliana memoria. “Riqualificare, riqualificare, riqualificare”. L’obiettivo? Ridisegnare e dare nuova vita alle zone degradate di cui la città abbonda e dare impulso alle attività produttive. Che ci si riesca è tutt’altra musica. In apertura di serata, il primo cittadino di Corsico ha tenuto a sottolineare che non ha “alcuna intenzione di distruggere quello che altri hanno fatto” e che conserverà tutto quello che c’è di buono nel Pgt in vigore approvato dalle amministrazioni di sinistra che hanno preceduto la sua. Bisognerà inserire o tentare di inserire, le proposte della giunta Errante.

Le linee di mandato

La giunta, lo scorso 14 novembre ha incaricato un pool di professionisti di studiare il nuovo strumento urbanistico. La delibera contiene le “linee di mandato” lungo le quali i tecnici devono muoversi per approntare il nuovo piano di gestione del territorio. La head line è: “no espansione, sì riqualificazione”. Che poi si possa davvero fare, è tutto da dimostrare.  Infatti sono molti i vincoli ai quali  gli esperti devono sottostare per dare “forma e funzione al centro storico, per migliorare i servizi di base, valorizzare il naviglio, completare la ciclopedonalità, disincentivare l’uso del Naviglio alle automobili, potenziare i trasporti interni alla città”.

Altri 12 palazzoni al quartiere Burgo

E tra i vincoli da tenere presenti, uno riguarda l’ex area Burgo su cui, i vecchi strumenti urbanistici prevedono la costruzione di altri 55mila metri quadrati di superfici calpestabili in edilizia residenziale (almeno altri dodici palazzi che dovrebbero sorgere alle spalle degli esistenti). Il punto di partenza è stato presentato dall’architetto Fabrizio Ottolini che ha puntato l’attenzione su alcune aree “non risolte” su cui fare delle profonde riflessioni. Come, appunto l’area ex Burgo, quella della Norton, della ex Pozzi (con i suoi edifici di archeologia industriale, l’area Perlite. Su molte di queste aree, il Pgt in vigore (che sarà utilizzato come canovaccio), ha ambiti di trasformazione e un piano delle regole che già indicano cosa si dovrebbe e potrebbe realizzare.  

Due centri commerciali

Come su una parte del parco Travaglia dove il Pgt in vigore prevede l’insediamento di due centri commerciali di media grandezza che eroderebbero almeno 15mila metri quadrati di parco. Per salvaguardarne la metà, si tenterà di spostarne uno sull’asse della Vigevanese tra  la Chicco e Roadhouse, su un’area di proprietà comunale. La promessa è di non erodere ulteriore suolo. Sino a questo momento sono state depositate 38 istanze di imprenditori o semplici cittadini che hanno avanzato proposte di modifica dell’attuale Pgt o di nuovi indirizzi. Cinque sono in ambito di trasformazione, nove di modifica del piano delle regole (utilizzo di sottotetti, aumento degli indifi di edificabilità e simili), quindici di modifica di funzioni e flessibilità d’uso, otto di esponenti politici e associazioni. E c’è ancora tempo per presentare nuove richieste e nuove osservazioni.

Le domande dei residenti

Alla serata hanno partecipato molti residenti e altrettanti politici.  Tra i primi, Antonio Fratello, imprenditore locale ha chiesto: “Se è intenzione della giunta promuovere le attività produttive, perché da qualche anno non riesce a riqualificare il capannone che possiede a Corsico?”. Vera Valcanova, residente al quartiere Burgo, ha domandato invece lumi sulla tempistica seconda la quale saranno realizzati i nuovi palazzi nella zona in cui abita. La convenzione scade tra due anni e la proprietà ha questo periodo di tempo per presentare il piano attuativo.

L'incoerenza

Per Luigi Salerno, capogruppo Pd in Consiglio comunale, “Il Pgt deve avere un respiro strategico di lungo periodo e, soprattutto, deve prevedere uno sviluppo che non sia in contraddizione con il tessuto sociale di Corsico”. Secondo Salerno, tra il dire e il fare del sindaco c’è un’incoerenza di sostanza. Un esempio? Da un lato si dice “basta a medie e grandi strutture commerciali” dall’altra vuole concedere all’operatore che dovrebbe trasferirsi dal parco Travaglia all’area dietro la Chicco, un indice volumetrico commerciale che passa dal 20 al 100%.

Dalle parole ai fatti

Il Pd, infatti, proprio perché condivide il no ai grandi e medi insediamenti commerciali, il prossimo 14 dicembre presenterà un emendamento con il quale chiederà di riportare gli indici volumetrici al 20%. Sarà il banco di prova per capire se agli slogan seguiranno i fatti. Il tour poi proseguirà nei prossimi mesi quando saranno organizzati nuovi incontri con i residenti, nuove assemblee, nuove riunioni della commissione urbanistica.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Dopo il calo delle iscrizioni
Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Simone Negri si trasforma in testimonial e invita i residenti a iscrivere i propri figli negli istituti cesanesi, in cui, negli ultimi anni si è registrato un calo di iscritti

Attualità
La scoperta
Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

A poche ore dalla pubblicazione dell'articolo di pocketnews.it sulle anomalie rilevate dalla commissione mensa nella struttura di via Indipendenza, la giunta pubblica un comunicato stampa che conferma l'episodio e annuncia un confronto con l'azienda appaltatrice

Attualità
Sanità pubblica
Tutti i segreti della nuova riforma della sanità

Tutti i segreti della nuova riforma della sanità

Le novità introdotte da Regione Lombardia che riguardano i malati cronici spiegate ai residenti di Cesano. Chi vorrà, potrà avvalersi di un “tutor” che lo assisterà con piani terapeutici programmati