Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 23 Ottobre 2017 16:30
Nuovo Documento

Forza Italia: no assessori, no party In evidenza

A Corsico, il gruppo che fa capo a Cetrangolo torna alla carica e chiede al sindaco (che lo avrebbe promesso) di nominare due assessori azzurri in giunta

Gli assessori alla Cultura e alle pari opportunità, Sebastiana Basile (a dx), e quello all’Ambiente, arredo urbano e Patrimonio, Lucia Lucentini Gli assessori alla Cultura e alle pari opportunità, Sebastiana Basile (a dx), e quello all’Ambiente, arredo urbano e Patrimonio, Lucia Lucentini

Il sindaco prende tempo e Forza Italia torna all’attacco. Nel mezzo, c’è lo scontro tra le due anime degli azzurri, e quello tra Lega nord e gli stessi forzisti. La battaglia non ha mai perso d’intensità. Da una parte il gruppo che fa capo a Fioravante Cetrangolo (che comprende Giuseppina Amoroso, Patrizia Rispo e Catherine Albanese), dall’altro i componenti della maggioranza che regge le sorti della giunta Errante.

La nuova richiesta

Il nuovo capitolo (che poi è la conferma di uno vecchio già pubblicato da pocketnews.it leggi qui) è stato scritto (letteralmente) in una nuova missiva indirizzata al sindaco Filippo Errante, protocollata venerdì 20 ottobre scorso. Il contenuto? Dopo aver indicato la composizione del gruppo consiliare riconosciuto dal direttivo provinciale, il documento firmato da Cetrangolo ancora una volta rivendica “la nomina di due assessori”.

Disconosciuti

Il gruppo che fa capo al capogruppo consiliare, da tempo, non riconosce come propri rappresentanti in giunta gli assessori alla Cultura e alle pari opportunità, Sebastiana Basile, e quello all’Ambiente, arredo urbano e Patrimonio, Lucia Lucentini, eletti dopo l’azzeramento delle deleghe a causa del caso stocco.

No assessori, no party

“Poiché tale situazione – c’è scritto nel documento – perdura ormai da otto mesi, diventa per noi insostenibile il protrarsi della stessa che ci vede esclusi dalle principali decisioni che vengono prese dall’amministrazione comunale. Pertanto fino a che non avremo la nostra rappresentanza in Giunta, non parteciperemo a nessun passaggio istituzionale.” In sostanza: niente assessori, niente partecipazioni a consigli comunali e affini. No assessori, no party.

La promessa

La minaccia, come detto era stata già avanzata prima dell’ultimo Consiglio tenutosi a inizio ottobre. In quella occasione, i quattro si erano poi presentati alla seduta perché, secondo indiscrezioni, il sindaco avrebbe promesso di risolvere la situazione in cambio di pazienza. Pazienza che sembra essersi esaurita soprattutto a causa dell’atteggiamento della Lega nord di fronte alla prospettiva di un ritorno di Roberto Mei in giunta.

Il no della Lega

Il partito di Salvini, infatti, non avrebbe ancora digerito la fuoriuscita di due suoi consiglieri poi confluiti in Forza Italia: Giuseppina Amoroso e Patrizia Rispo, creature di Giacomo di Capua, che con questo “regalo” si è assicurato un posto nel direttivo degli azzurri e da lì manovra per riportare in giunta il suo coordinatore Roberto Mei e Morena Lanzoni. Come andrà a finire? Per martedì sera è stato convocato un nuovo Consiglio comunale. Sarà l’occasione giusta per verificare la reale consistenza della minaccia e le conseguenze che potrebbe avere sulla maggioranza che governa Corsico.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
L'intervista
Marco Osnato: “Dopo sette anni, finalmente l’incubo è finito”

Marco Osnato: “Dopo sette anni, finalmente l’incubo è finito”

Parla l’ex assessore al Bilancio del Comune di Trezzano, assolto nei giorni scorsi dall’accusa di aver manipolato appalti dell’Istituto case popolari

Politica
Il caos continua
Manca ancora il numero legale, rinviata l’approvazione della variante del Pgt

Manca ancora il numero legale, rinviata l’approvazione della variante del Pgt

Nel Consiglio comunale di Corsico si procede a singhiozzo. La maggioranza priva di quattro consiglieri, costretta a rinviare l’approvazione delle modifiche al piano regolatore

Politica
Seduta sospesa
Manca il numero legale, salta il consiglio comunale

Manca il numero legale, salta il consiglio comunale

L’assenza di quattro consiglieri di Forza Italia ha fatto annullare la seduta che doveva approvare il bilancio consuntivo delle municipalizzate di Corsico. In ballo ci sono 200mila euro di Iva non versata accertata dall’Agenzia delle entrate