Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 05 Ottobre 2017 10:12
Il caso del giorno

Da negozio abusivo di parrucchiere in motel: denunciato

Un intraprendente egiziano  apre a Corsico un negozio di acconciature senza averne l’abilitazione. Poi scoperto, apre, nello stesso locale, una specie di mini albergo con sei posti letto

Il parrucchiere in zona Sant’Adele non aveva tutte le autorizzazioni per svolgere l’attività Il parrucchiere in zona Sant’Adele non aveva tutte le autorizzazioni per svolgere l’attività

Non si può dire che sia privo di fantasia e di intraprendenza. Peccato che eserciti entrambe fuori dalla legalità. Il nucleo repressione frodi della polizia locale ha interrotto l’attività di A.F. egiziano cinquantenne che prima aveva aperto un negozio di parrucchiere, poi, una volta ache i vigili gli hanno contestato la mancanza di qualsiasi attestazione professionale, ha  trasformato lo stesso negozio in un mini hotel con sei posti letto. Peccato che il locale, di proprietà di un settantaduenne da anni residente in provincia di Catania, abbia un’altra destinazione d’uso.

Senza autorizzazioni

La storia è un classico degli interventi di polizia annonaria, che garantisce il rispetto delle normative sul corretto svolgimento delle attività produttive a tutela soprattutto del cittadino-consumatore. Il suo primo intervento risale ad alcune settimane fa su segnalazione di alcuni residenti. Secondo le informazioni raccolte,  sembrava che un parrucchiere in zona Sant’Adele non avesse tutte le autorizzazioni per svolgere l’attività.

Arrivano gli agenti

La notizia era risultata fondata. Gli agenti durante un’ispezione avevano scoperto che il titolare presente in negozio non era in possesso di alcuna abilitazione professionale. L’attività, inoltre, risultava priva di  alcun responsabile tecnico, come invece prevede la norma in materia. Gli agenti avevano compilano quindi un verbale di “accertata violazione amministrativa”, e ordinato  la chiusura immediate dell’attività.

Inizio lavori

L’egiziano aveva obbedito. Ma aveva in serbo una sorpresa. Qualche giorno dopo  aveva presentato all’ufficio tecnico comunale una comunicazione di inizio lavori asseverate per la creazione di un antibagno e di un bagno nel locale retrostante al negozio. Tutto ok? Nemmeno per sogno.

Nuova segnalazione

Qualche settimana dopo alla polizia locale è arrivata una nuova segnalazione: il negozio era stato trasformato in alloggio, con sei posti letto. Nuova verifica e nuovo verbale. Nei locali, gli agenti hanno trovato lo stesso A.F. che si è difeso affermando quella essere la casa in cui vive assieme alla moglie e ai quattro figli. Il fatto è che tutti sono risultati residenti in un appartamento nella zona centrale di Corsico. Parte anche una diffida., che ci si augura sia l’ultima.

Collaborazione

Probabilmente c'è qualcuno che ce l'ha con l'egiziano, ma la legalità è legalità e bisogna rispettarla. “È fondamentale il controllo sociale e la collaborazione dei cittadini – ha sottolineato l’assessore alla sicurezza Sergio Di Giovanni  – che devono segnalare al comando della polizia locale tutte le eventuali situazioni anomale. Così si interviene direttamente, laddove possibile, o si trasferiscono tutti gli atti ai carabinieri per le azioni conseguenti”.

seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Microcriminalità in azione
Nuovo blitz dei ladri nelle scuole, rubati 5 pc e due robot

Nuovo blitz dei ladri nelle scuole, rubati 5 pc e due robot

Nonostante l’allarme sia scattato, i malviventi hanno avuto il tempo di cercare la chiave della porta blindata di un’aula in cui erano custoditi i dispositivi elettronici

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Arrestati in via Cavour, a Corsico, due spacciatori

Arrestati in via Cavour, a Corsico, due spacciatori

I giovani, un uomo e una donna di 26 e 22 anni, erano in possesso di dosi di hashish pronte per la vendita e circa 1000 euro in banconote di piccolo taglio

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Tenta di rapinare un bar con la pistola giocattolo: denunciato a piede libero

Tenta di rapinare un bar con la pistola giocattolo: denunciato a piede libero

L’uomo, un 35enne pluri-pregiudicato rozzanese, è stato rintracciato grazie alle indagini della locale stazione dei carabinieri