Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 14 Luglio 2017 12:25
Dopo la sentenza

‘Ndrangheta, arrestato il capo della “locale” di Corsico In evidenza

Bruno Longo dovrà scontare 7 anni di carcere per una sentenza divenuta definitiva nell’ambito dell’inchiesta “Infinito”

Bruno Longo dovrà scontare una condanna a sette anni per associazione a delinquere di stampo mafioso Bruno Longo dovrà scontare una condanna a sette anni per associazione a delinquere di stampo mafioso

Lo hanno arrestato in un appartamento di Cisliano. Non ha opposto resistenza e si è fatto ammanettare. Adesso dovrà scontare una condanna a sette anni per associazione a delinquere di stampo mafioso. Bruno Longo, 81 anni, di Reggio Calabria, da anni trapiantato “al Nord”, è considerato il capo della sezione corsichese della ‘ndrangheta. Lo hanno scritto i giudici del processo «Infinito», un’inchiesta del 2010 condotta dallla Dda di Milano, che aveva visto sul banco degli imputati anche Pasquale Zappia, Domenico Sandro Commisso e Giosofatto Molluso, detto Gesu, tutti personaggi molto noti delle cronache corsichesi

Il sequestro dei beni

Il ruolo di Longo era emerso durante le indagini: insieme con Giuseppe Commisso e Pasquale Zappia, "comandava" su Corsico. Sempre sei anni fa,,la guardia di finanza aveva sequestrato a Longo un mobilificio in via Diaz. In quella occasione furono posti sotto sequestro anche trentanove abitazioni, tre ville, ventiquattro box e altri immobili (poi confiscati) per un totale di quindici milioni di euro di valore.

Duecento arresti

Le indagini culminarono con l'arresto, e successiva condanna, di più di duecento persone, colpevoli di reati quali omicidio, traffico di sostanze stupefacenti, ostacolo del libero esercizio del voto, riciclaggio di denaro proveniente dalle attività illecite quali corruzione, estorsione ed usura: tutti reati resi possibili in forza dell'associazione per delinquere di stampo mafioso.  Il processo ha rimesso in luce come la ’ndrangheta abbia riprodotto  in Lombardia le stesse strutture organizzative e di controllo presenti in Calabria a partire dalla suddivisione territoriale in «locali». Longo era il capo di quella di Corsico. Lo ha stabilito un sentenza definitiva.

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Il raggiro
Divise finte, truffa vera: rubato l’oro di un’anziana

Divise finte, truffa vera: rubato l’oro di un’anziana

Dopo i falsi tecnici del gas che hanno colpito nei giorni scorsi, ora è la volta dei falsi vigili del fuoco. Anziana raggirata a Cesano Boscone

Cronaca
La guida
Carabinieri: ecco come salvare la propria casa dai ladri in appartamento

Carabinieri: ecco come salvare la propria casa dai ladri in appartamento

Il ministero della difesa ha pubblicato un vademecum per difendere la propria casa dai malintenzionati durante le vacanze estive ed oltre

Cronaca
La relazione della Dia
Radiografia della criminalità in Lombardia

Radiografia della criminalità in Lombardia

Pubblicata la relazione della Direzione investigative antimafia. Dal documento emergono strategie e obiettivi delle organizzazioni mafiose nel Milanese