Seguici su Fb - Rss

Martedì, 06 Febbraio 2018 14:22
Le celebrazioni

A Corsico, nel “Giorno del Ricordo” si parla di foibe

La data prescelta è esattamente il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di pace che assegnava alla Jugoslavia l'Istria e la maggior parte della Venezia Giulia territori da sempre italiani

Il 10 febbraio di ogni anno, riporta alla memoria la tragedia degli italiani vittime delle foibe Il 10 febbraio di ogni anno, riporta alla memoria la tragedia degli italiani vittime delle foibe

Sabato sera, dalle 20 e 30, nel saloncino “La Pianta” di Corsico si parlerà di foibe. L’appuntamento è organizzato nell’ambito delle celebrazioni del “Giorno del ricordo” che il 10 febbraio di ogni anno, riporta alla memoria la tragedia degli italiani vittime delle foibe e dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati, scacciati, nel secondo dopoguerra, dalle milizie titine della Jugoslavia.

Il trattato

La data prescelta è esattamente il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di pace che assegnava alla Jugoslavia l'Istria e la maggior parte della Venezia Giulia. Trattato che certamente non prevedeva il massacro di molti nostri connazionali. Tra i relatori della serata ci sarà Roberto Menia, firmatario della proposta di legge che ha istituito il “Giorno del ricordo”.

Il pensiero di Ciampi

Il primo anno in cui si celebrò il “Giorno del ricordo” fu il 2005. In un discorso di allora, il presidente Carlo Azeglio Ciampi rivolse il proprio pensiero “a coloro che perirono in condizioni atroci nelle Foibe [...] alle sofferenze di quanti si videro costretti ad abbandonare per sempre le loro case in Istria e in Dalmazia".

Alle nuove generazioni

Lo stesso Ciampi affermò che “Questi drammatici avvenimenti formano parte integrante della nostra vicenda nazionale; devono essere radicati nella nostra memoria; ricordati e spiegati alle nuove generazioni. Tanta efferatezza fu la tragica conseguenza delle ideologie nazionalistiche e razziste propagate dai regimi dittatoriali responsabili del secondo conflitto mondiale e dei drammi che ne seguirono”. Quella si sabato è una serata riservata a chi non vuole dimenticare .

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cultura
Pellicole d'estate
Cultura
La confessione
Biagio Antonacci: “Noi eravamo i ragazzi della via Pal di Rozzano”

Biagio Antonacci: “Noi eravamo i ragazzi della via Pal di Rozzano”

L’intervista confessione del cantautore: “Sono cresciuto nel Bronx, tra scorribande e risse”

Cultura
L'evento
Assago apre le porte al Festival latino americano

Assago apre le porte al Festival latino americano

Dal 14 giugno al 18 agosto, due mesi di eventi e spettacoli ricchi di colori e ritmi sud americani

Cultura
Iniziativa proposta da PhotoFestival 2018
Gli “Appunti di vita” di un grande fotografo, in mostra a Cesano

Gli “Appunti di vita” di un grande fotografo, in mostra a Cesano

Il titolo dell’esposizione rispecchia il suo contenuto per la coerenza da sempre dimostrata da un autore perennemente votato alla qualità delle immagini