Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 07 Giugno 2018 13:30
Il progetto

Sindaci di sei comuni firmano lo stop al gioco d’azzardo nei locali pubblici In evidenza

L’ordinanza vieta di utilizzare gli apparecchi da gioco con vincita in denaro in tre fasce orarie per un totale di 6,5 ore al giorno

Il documento sarà notificato oggi agli esercizi commerciali che al loro interno hanno slot machine e marchingegni affini Il documento sarà notificato oggi agli esercizi commerciali che al loro interno hanno slot machine e marchingegni affini

La firma è quella dei sindaci di Assago, Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico, Cusago e Trezzano sul Naviglio. L’ordinanza è stata emessa nell’ambito  di un progetto che vuole contrastare il gioco d’azzardo patologico.
Il documento sarà notificato oggi agli esercizi commerciali che al loro interno hanno slot machine e marchingegni affini. I sindaci ne proibiscono l’utilizzo dalle 7.30 alle 9.30, dalle 12 alle 14.30 e dalle 19 alle 21, ogni giorno. Naturalmente dall’ordinanza sono esclusi i giochi del lotto, 10 e lotto, superenalotto, totocalcio, gratta e vinci e il bingo. Chi non rispetta le nuove disposizioni  sarà punito con una multa che va da un minimo di 100 euro a un massimo di 500 euro.

512 slot machine

All’interno dei confini dei sei Comuni ci sono  95 locali (soprattutto bar) con che in totale hanno   512 slot:   tutti sono stati controllati e geolocalizzati. Questo lavoro ha permesso di tracciare una “mappa del rischio”. L’ordinanza è una tappa del   progetto del Piano di zona “#gioco@perdere”.

Progetto importante

"Nell'ultimo anno – ha spiegato il sindaco di Trezzano sul Naviglio Fabio Bottero in una nota stampa  – abbiamo condiviso un progetto importante coinvolgendo servizi sociali, Polizia locale, enti del terzo settore, scuole. Un lavoro educativo fondamentale per affrontare in modo serio, concreto e sinergico il grave problema del gioco d'azzardo patologico che ha conseguenze gravissime sia dal punto di vista sociale che economico. È chiaro per tutti che nel territorio dobbiamo agire insieme, con gli stessi provvedimenti e linee guida: questa prima ordinanza, davvero rivoluzionaria, lo dimostra. Non si potrà giocare in fasce orario oggi considerate 'a rischio', dopo aver accompagnato i figli a scuola o all'ora di pranzo e di cena, sottraendo del tempo alla famiglia e alle relazioni".

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Pronto al via un progetto di riqualificazione
Attualità
Il dibattito
Cosa lasciare "dopo di noi" ai familiari con disabilità gravi

Cosa lasciare "dopo di noi" ai familiari con disabilità gravi

In Cascina Robbiolo a Buccinasco l'Assessorato al Welfare ha organizzato un incontro per spiegare la legge che prevede misure dirette a supportare il percorso di vita delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare

Attualità
L'iniziativa
Lasabrial incontra i suoi fan all’Auchan di Cesano Boscone

Lasabrial incontra i suoi fan all’Auchan di Cesano Boscone

L’appuntamento con la giovane youtuber è per domenica 24 giugno quando parlerà e si farà fotografare dal vivo con i suoi follower

Attualità
La denuncia
La Festa della birra fa ubriacare la Cascina Grande

La Festa della birra fa ubriacare la Cascina Grande

A denunciare, con video e foto postati sui social, le carenze dell’organizzazione, l’ex consigliere comunale del M5s Simone D’Agnelli e Francesco Belluscio, membro del consiglio direttivo della Confcommercio