Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 24 Gennaio 2018 09:48
Il mistero

Cesano, resti di lapidi ritrovate in una roggia In evidenza

Si tratta di tronconi di cemento e di marmo di vecchie tombe macerate dopo la riesumazione delle salme

I tronconi di cemento e di marmo di vecchie lapidi abbandonati nella roggia che costeggia il cimitero di Cesano boscone I tronconi di cemento e di marmo di vecchie lapidi abbandonati nella roggia che costeggia il cimitero di Cesano boscone

Sono decine, fatte a pezzi e gettate nella roggia che costeggia il cimitero di via Rimembranze a Cesano. Si tratta di tronconi di cemento e di marmo di vecchie lapidi macerate dopo la riesumazione di numerose salme.

L'allarme

L’allarme era stato lanciato alcuni giorni fa da alcuni residenti. Dopo una serie di verifiche è risultato che risalirebbero ad almeno una ventina di anni fa e sarebbero emersi dalla boscaglia in seguito ai lavori del progetto Expo 2015. Non si sa chi li abbia scaricati nel fossato, in secca da molti anni, che corre lungo il perimetro del cimitero in un’area, prevalentemente di proprietà del Comune di Milano, che attualmente viene utilizzata come collegamento ciclopedonale con il Parco dei Fontanili.

Le responsabilità

Chi li ha abbandonati? Su questo fronte regna il mistero. Evidentemente, chi era stato incaricato delle esumazioni e dello smaltimento delle lapidi ha approfittato della breccia a fianco del muro di cinta del cimitero vecchio per scaricarli nella roggia. Ma una volta che questi pezzi saranno stati datati, non dovrebbe essere difficile risalire ai responsabili. Secondo l’amministrazione comunale, non sussiste alcun rischio igienico sanitario. Il fossato sarà presto ripulito, mentre  i lavori di risistemazione dell’area non sono ancora terminati. Dovrà essere sistemato l’argine del fossato e   apportate ulteriori migliorie per la zona verde.

I lavori della Regione

“Appena avvisato – ha spiegato il sindaco Simone Negri – ho chiesto agli agenti di verificare la situazione e di accertare le responsabilità. É emerso che si tratta di resti di lapide legate a esumazioni risalenti ad almeno 20 anni fa. Sono riapparsi in seguito ai recenti lavori eseguiti da Ersaf (Ente regionale per i servizi all’agricoltura e alle foreste) nell’ambito del progetto Expo 2015. In quella zona, infatti, c’era una fitta boscaglia che nascondeva tutto”.

seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Traffico impazzito
Mattinata da incubo sulla nuova Vigevanese

Mattinata da incubo sulla nuova Vigevanese

Un banale incidente al semaforo dello svincolo della Tangenziale Ovest ha provocato una coda interminabile

Attualità
La ricorrenza
Studenti, forze dell’ordine e amministratori: “No alla mafia, sempre”

Studenti, forze dell’ordine e amministratori: “No alla mafia, sempre”

Il 23 maggio di ventisei anni fa un’autobomba fece strage del giudice Falcone, della moglie, Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro (guarda la gallery)

Attualità
Il Comune rivela le cifre
Mensa, tutti i numeri del “Metodo Errante”

Mensa, tutti i numeri del “Metodo Errante”

Il debito complessivo dal 2009 al 2015, che era di 1.227mila euro circa, si è ridotto a 796mila euro mentre sono inviati 135 preavvisi e comunicazioni di fermo amministrativo dei veicoli