Seguici su Fb - Rss

Martedì, 23 Gennaio 2018 15:40
Lotta alla droga

Otto arresti per traffico di cocaina, smantellata una “filiale” del clan Barbaro-Papalia In evidenza

‘ndrangheta & droga: un altro duro colpo alla crinimalità organizzata da parte della direzione nazionale antimafia

Il Nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza ha arrestato otto persone Il Nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza ha arrestato otto persone

Traffico  internazionale di stupefacenti.  È questa l’accusa grazie alla quale agenti della Guardia di Finanza hanno fatto scattare le manette attorno ai polsi di otto affiliati alla cosca Barbaro-Papalia, operativa nel Sud ovest milanese, ma con profondi legami con la “casa madre” di Platì.

In manette

Gli arrestati sono: Antonio e Graziano Barbaro, rispettivamente di 36 e 31 anni, Giampietro Catona, 37 anni, Alessandro Di Terlizzi Miracoli, 29 anni, Gianfranco Iiritano, 38 anni, Massimilano Mussa, 48 anni, Saverio Pisano, 60 anni e Vincenzo Romeo, 42 anni. Con questa operazione, condotta dalla dottoressa Alessandra Dolci,  secondo gli investigatori è stata azzerata un'associazione che aveva contatti soprattutto in Colombia, Brasile, Spagna, Olanda e Bulgaria. La base era, però, nel Sud ovest milanese, tra Corsico e Buccinasco.

L'attentato del 2013

L’inchiesta del pm Dolci aveva preso il via da un attentato avvenuto nel 2013. Alcuni colpi di pistola, erano stati esplosi contro la saracinesca di un locale pubblico, a Corsico, di proprietà di uno degli indagati.  Partendo da quell’episodio, gli investigatori hanno messo assieme fili che sembravano slegati tra di loro, sino a tessere una tela che ha dimostrato   l'esistenza di un gruppo criminale che disponeva di basi logistiche, ingenti risorse economiche e armi per organizzare e gestire il traffico di droga.

La cocaina

Sarebbero almeno otto i chili di cocaina trattati dal sodalizio negli ultimi tempi. Durante le perquisizioni, gli agenti hanno trovato e sequestrato, nascoste in un box-cantina utilizzato da uno degli indagati poi arrestato, 7 fucili e 2 pistole con la matricola abrasa, una quantità enorme di munizioni e alcune motociclette rubate.

Condividi questo articolo su Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
L'agguato
Corsico ripiomba nella paura, sono dieci i colpi di pistola che hanno ucciso Assiane

Corsico ripiomba nella paura, sono dieci i colpi di pistola che hanno ucciso Assiane

Diallo, senegalese, 54 anni, con piccoli precedenti penali risalenti a quattro lustri fa, è stato ucciso in via delle Querce. Lavorava nel settore della sicurezza

Cronaca
Omicidio nella notte
Senegalese assassinato a Corsico, le indagini puntano in più direzioni

Senegalese assassinato a Corsico, le indagini puntano in più direzioni

Criminalità o razzismo? Tocca agli investigatori dipanare l'intricata matassa che al momento avvolge l'agguato di questa notte

Cronaca
Uso e Abuso
Mix alcol e droga dopo il Ramadan, marocchino in pericolo di vita

Mix alcol e droga dopo il Ramadan, marocchino in pericolo di vita

L'uomo ora è ricoverato in pericolo di vita alla clinica Humanitas di Rozzano, dove versa in terapia intensiva