Seguici su Fb - Rss

Sabato, 21 Ottobre 2017 00:16
Sentenza choc

Tribunale di Milano: il boss non è più sorvegliato speciale In evidenza

I giudici hanno accolto il ricorso presentato da Rocco Papalia, dallo scorso maggio in libertà dopo 27 anni trascorsi in carcere, perchè, durante il quarto di secolo passato in prigione, si è sempre comportato bene

Rocco Papalia alla cerimonia della prima comunione della nipotina Rocco Papalia alla cerimonia della prima comunione della nipotina

Quello che per anni è stato definito il “padrino di Buccinasco”, non è più tale. Secondo la Corte di Appello di Milano, infatti, il “boss dei boss” Rocco Papalia non è più un uomo pericoloso, perciò ha revocato la “sorveglianza speciale” nei suoi confronti, decisa invece solo pochi mesi fa dai giudici del Tribunale di Sorveglianza e ribadita appena qualche settimana fa dalla Sezione misure di prevenzione del palazzo di giustizia di Milano, per almeno altri cinque anni.

Il cumulo delle pene

Considerato uno dei più importanti capi della mafia calabrese al Nord, Papalia era stato scarcerato dopo aver scontato 25 anni in prigione. Condannato a una pena di circa 128 anni per l’omicidio di Giuseppe De Rosa, fuori da una discoteca milanese, per traffico di droga e rapimento, era tornato libero grazie al calcolo del cumulo delle pene e si era trasferito nella sua villetta di via Nearco a Buccinasco, parzialmente sequestrata ed espropriata.

Cercarsi un lavoro

Tra gli obblighi imposti dai giudici della Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano c’era anche l’invito a cercarsi un lavoro, rispettare le leggi, non frequentare criminali. La Corte di Appello ha ribaltato tutto. Contro la decisione, il sostituto procuratore generale Laura Barbaini ha già annunciato ricorso.

Le cronache buccinaschine

Uscito dalle patrie galere, Papalia è diventato subito protagonista delle cronache buccinaschine. Qualche giorno dopo la sua scarcerazione ha partecipato alla prima comunione della nipotina, poi ha invocato il silenzio da parte di stampa e amministrazione di Buccinasco sulle sue vicende personali, infine ha bussato alla porta del comune e ha reclamato l’utilizzo del cortile della sua villa, assegnato a una Onlus che ospita richiedenti asilo.

Il percorso carcerario

Che cosa ha convinto i giudici a revocare la sorveglianza speciale? “Un percorso carcerario – c’è scritto nel provvedimento - connotato da regolarità di condotta abbinato a elementi che denotano l’allontanamento di Papalia dagli ambienti malavitosi che ne hanno contraddistinto la prima parte della sua vita”. I magistrati, poi hanno fatto appello al “valore risocializzante e rieducativo della pena, principio consacrato nell’articolo 27 della Costituzione vista la regolarità di condotta che ha contraddistinto tutto il percorso carcerario in diversi istituti”. Un vero angioletto, insomma.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Pusher diciottenne arrestato a Corsico

Pusher diciottenne arrestato a Corsico

Al giovane, con precedenti in tema di spaccio, durante la perquisizione della cantina della sua abitazione sono state sequestrate 10 dosi di marijuana e 120 grammo di kif

Cronaca
Lotta alla droga
Da Trezzano a Milano sulle tracce di uno spacciatore

Da Trezzano a Milano sulle tracce di uno spacciatore

I carabinieri della locale stazione hanno individuato il pusher e, dopo averlo fermato, hanno perquisito la sua abitazione nella "famigerata" via Quarti, a Baggio

Cronaca
Strade paralizzate
Ore 8: traffico in tilt, le Vigevanesi si trasformano in un inferno

Ore 8: traffico in tilt, le Vigevanesi si trasformano in un inferno

Questa mattina, per percorrere il tratto che parte dall’altezza dell’hotel Tiffany arriva allo svincolo della Tangenziale Ovest, è servita mezz’ora di tempo