Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 02 Ottobre 2017 17:25
Refezione scolastica

Cambia il menù nelle mense scolastiche In evidenza

Dopo le prime settimane di sperimentazione, è iniziato il lavoro di “aggiustamento” cercando di andare incontro alle esigenze di bambini e famiglie di Buccinasco

Migliorare l’offerta della ristorazione dopo le prime settimane di scuola. Migliorare l’offerta della ristorazione dopo le prime settimane di scuola.

Genitori vs esperti. Oggetto del contendere la refezione scolatica a Buccinasco. Dal prossimo 23 ottobre un nuovo menù sarà adottato nelle mense comunali. Lo ha annunciato con una nota stampa il vicesindaco David Arboit.  Non solo menu, ma sono previsti anche  corsi di formazione per i cuochi e incontri periodici con il Coordinamento mensa. L’obiettivo è  migliorare l’offerta della ristorazione dopo le prime settimane di scuola.

I disagi dei genitori

“Sono  a  conoscenza  dei  disagi  dei  genitori  –  ha dichiarato Arboit nella nota   –   e credo sia fondamentale ascoltare le loro segnalazioni ma anche tenere conto dei pareri e delle prescrizioni degli esperti. Proprio per questo già nella passata Amministrazione ho coordinato un organismo informale, un gruppo di lavoro chiamato ‘Coordinamento mensa’ formato dai rappresentanti della Commissione mensa, i presidenti del Consiglio di istituto, i funzionari del Comune e i rappresentanti dell’azienda che gestisce la ristorazione. Questa mattina si è svolto il primo incontro molto utile per cominciare quegli aggiustamenti che con l’avvio di un nuovo appalto sono fisiologicamente necessari”.

Nuovo gestore

Tre mesi fa, si è concluso l’iter della gara per la gestione della mensa. L’azienda che ha vinto l’appalto ha l’obbligo di rispettare quanto previsto dal capitolato, quindi all’inizio dell’anno scolastico ha sostituito i menù proposti l’anno passato. Dopo le prime settimane di sperimentazione, è iniziato il lavoro di “aggiustamento" cercando di andare incontro alle esigenze di bambini e famiglie, tenendo conto sia delle linee guida della ATS sia delle criticità sollevate nelle prime settimane di scuola e negli anni passati.  

Educazione alimentare

Secondo Arboit, “il percorso con i genitori e il Coordinamento mensa è la strada giusta per migliorare l’offerta. Va detto però che la scuola ha il dovere di fare educazione alimentare. Non possiamo far prevalere l’idea che sia giusto assecondare solo i gusti e i desideri dei bambini, dovremo trovare il giusto equilibrio tra sana alimentazione e appetibilità del pasto per garantire al meglio la salute dei bambini”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

2 commenti

  • Link al commento  Sabrina Amenduni Venerdì, 20 Ottobre 2017 09:38 inviato da Sabrina Amenduni

    Cambiate il menù

  • Link al commento Francesca Palonta Lunedì, 09 Ottobre 2017 15:30 inviato da Francesca Palonta

    Mi preoccupa che ci siano nel menù il pollo (con la pelle) e gli gnocchi (non piccolini), alimenti coinvolti spesso e volentieri nei soffocamenti dei bambini

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La mostra
Quando il riciclo diventa arte

Quando il riciclo diventa arte

Si terrà sino al 26 novembre nella Sala Expo di via Vittorio Veneto a Trezzano, la mostra di Giorgia Distefano, artista che per le proprie creazioni utilizza materiali da buttare

Attualità
Associazionismo allo specchio
Quattro mura per costruire la “casa delle opportunità”

Quattro mura per costruire la “casa delle opportunità”

Mercan-ti-@amo è un’associazione no-profit indipendente di Buccinasco che organizza anche laboratori didattico-educativi aperti a persone di tutte le età

Attualità
L'intervista
Emergenza anziani: l’assistenza non deve essere un optional

Emergenza anziani: l’assistenza non deve essere un optional

Parla Francesco Magisano, presidente dell’Onlus Pontirolo: “Dovremmo puntare su luoghi di relazione umane e no su posti dove si va a morire. Luoghi in cui la relazione con i parenti è determinante per garantire servizi di qualità”