Seguici su Fb - Rss

Martedì, 23 Maggio 2017 15:59
Le celebrazioni

Strage di Capaci, c’è chi ricorda e chi si dimentica In evidenza

In tutto il Sud ovest milanese solo la metà dei comuni ha organizzato cerimonie commemorative, l’altra metà si è dimenticata di onorare il sacrificio del giudice ucciso dalla mafia

Lenzuola bianche per protestare contro tutte le mafie Lenzuola bianche per protestare contro tutte le mafie

A 25 anni di distanza dall’attentato di Capaci, il Sud Ovest Milanese (chi più più, chi meno) ha ricordato la strage  in cui persero la vita Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Pochi mesi dopo quel tragico 23 maggio 1992, toccò al giudice Paolo Borsellino, essere ucciso dalla mafia in via D’Amelio a Palermo insieme al caposcorta Agostino Catalano e agli agenti Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Vittime di mafia, vittime della criminalità organizzata.

Chi ha ricordato...

Le manifestazioni per ricordarle, dove il ricordo è vivo, ci sono state. Dove il ricordo si è perso nelle brume del tempo, niente, nemmeno un’orazione, una preghiera. A Buccinasco, le classi prime medie dei due Comprensivi hanno assistito allo spettacolo “Il profumo del Maestrale”, che ha concluso la rassegna “Buccinasco contro le mafie”. Le classi quarte e quinte della primaria Robbiolo, invece, hanno ricordato la strage di Capaci, impegnandi in un laboratorio sul libro “Per questo mi chiamo Giovanni” di Luigi Garlando sulla vita del giudice Falcone.  
A Corsico, questa mattina, è stata deposta una corona d'alloro presso largo Quarto Savona Quindici, inaugurato il 29 aprile scorso in omaggio ad Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani che si trovavano a bordo dell'auto di scorta, la QS15, che precedeva quella del giudice Giovanni Falcone e della moglie Francesca Morvillo. Tutti sono rimasti uccisi.

... chi ricorderà…

Una cerimonia analoga si svolgerà sabato mattiva a Trezzano. Un corteo prenderà il via dalla caserma dei vigili urbani con destinazione largo Falcone dove verrà deposta una corona di alloro davanti alla targa che ricorda il giudice ucciso dalla mafia. A Cesano Boscone verrà organizzato un incontro, venerdì alle 21, nella piazzetta della Misericordia, al quale interverrà Salvatore Borsellino, con Marco Balzano (premio Campiello 2015) ed Enrica Barel attrice. Alle 9.30 di domenica partirà da Cesano la Magnalonga 2017.

… e chi si è dimenticato

A Cusago, la giornata è trascorsa senza che le istituzioni dessero un segnale sulla volontà di ricordare la strage. L’anniversario è stato solo ricordato in qualche classe della scuola. Idem ad Assago e Rozzano. Tre comuni, tre amministrazioni di diverso colore, l’identica dimenticanza.

Lenzuola bianche ai balconi

Domenica 28 maggio i residenti di Buccinasco sono invitati ad appendere a balconi e finestre lenzuoli bianchi per testimoniare simbolicamente l’impegno della comunità contro tutte le mafie. L’iniziativa è stata proposta dal Consiglio comunale che, nell’ultima seduta del 10 maggio, ha approvato all’unanimità un ordine del giorno proprio sul tema della legalità.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Il raggiro
Divise finte, truffa vera: rubato l’oro di un’anziana

Divise finte, truffa vera: rubato l’oro di un’anziana

Dopo i falsi tecnici del gas che hanno colpito nei giorni scorsi, ora è la volta dei falsi vigili del fuoco. Anziana raggirata a Cesano Boscone

Cronaca
La guida
Carabinieri: ecco come salvare la propria casa dai ladri in appartamento

Carabinieri: ecco come salvare la propria casa dai ladri in appartamento

Il ministero della difesa ha pubblicato un vademecum per difendere la propria casa dai malintenzionati durante le vacanze estive ed oltre

Cronaca
La relazione della Dia
Radiografia della criminalità in Lombardia

Radiografia della criminalità in Lombardia

Pubblicata la relazione della Direzione investigative antimafia. Dal documento emergono strategie e obiettivi delle organizzazioni mafiose nel Milanese