Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 15 Marzo 2017 12:46
Viva la legalità

Buccinasco rende omaggio alle vittime innocenti delle mafie In evidenza

Sono caduti sotto i colpi della criminalità organizzata, che per raggiungere i propri obiettivi non lesina uccidere. Sono novecento e i loro nomi saranno pronunciati affinché vengano ricordati. L’appuntamento è per martedì 21 marzo alle ore 18.30 nella biblioteca della  Cascina Fagnana

Sui muri di vari edifici pubblici di Buccinasco saranno esposti pannelli con tutti i nomi delle vittime Sui muri di vari edifici pubblici di Buccinasco saranno esposti pannelli con tutti i nomi delle vittime


Martedì 21 marzo si celebra la “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Buccinasco rende omaggio a tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita nella battaglia contro la criminalità organizzata. Semplici cittadini, studenti, amministratori,  rappresentanti delle forze dell’ordine, delle parrocchie e delle associazioni si alterneranno nella lettura dei 900 nomi di chi ingiustamente è stato ucciso dalle mafie.L’appuntamento è alle ore 18.30 in biblioteca presso la Cascina Fagnana in via Fagnana 6. L’iniziativa è aperta davvero a tutti. Chi vuole e desidera leggere I nomi dal lungo elenco di caduti, può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro domenica 19 marzo. Al termine della manifestazione seguirà un aperitivo con prodotti coltivati su terre confiscate alle mafie.

Le biografie di chi è stato ucciso

Intanto sin dal 16 marzo sui muri di vari edifici pubblici saranno esposti pannelli con tutti i nomi delle vittime: di alcune si potrà approfondire la storia semplicemente avvicinando il proprio smartphone (qrcode). L’iniziativa titolata “WikiAmiamo – piste biografiche in città”, è stata realizzata in collaborazione con la biblioteca. Gli edifici in cui saranno esposti sono: il Municipio e la Sala consiliare, la Caserma dei Carabinieri (nella sala d’attesa), le tre parrocchie (Sant’Adele, Maria Madre della Chiesa, Romano Banco), la biblioteca comunale, la Cascina Robbiolo, la Casa dell’Acqua, tre immobili confiscati alla criminalità organizzata (il Centro culturale Bramante, la sede della Croce Rossa, la villa di via Nearco), le fermate degli autobus (in piazza San Biagio). I pannelli rimarrano affissi sino al 16 aprile.

Il tour di Mafianopoli

Sia di mattina che di pomeriggio del 21 marzo la biblioteca organizzerà “Mafianopoli” un tour in città proprio per scoprire la biografia di alcuni personaggi e conoscere la storia dei beni confiscati alle mafie in città. In mattinata è prevista una passeggiata con gli studenti del Liceo G. B. Vico di Corsico, di pomeriggio, dalle ore 14, il tour sarà aperto a tutti (per info e iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; tel. 02488884514).

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La petizione
Una firma contro l’aumento del biglietto del tram

Una firma contro l’aumento del biglietto del tram

Per chi vuole sottoscrivere, l’appuntamento è per sabato mattina davanti all’Auchan di Cesano Boscone

Attualità
Dopo il calo delle iscrizioni
Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano”

Simone Negri si trasforma in testimonial e invita i residenti a iscrivere i propri figli negli istituti cesanesi, in cui, negli ultimi anni si è registrato un calo di iscritti

Attualità
La scoperta
Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

Mensa scuola Robbiolo, la commissione rompe le uova (non biologiche)

A poche ore dalla pubblicazione dell'articolo di pocketnews.it sulle anomalie rilevate dalla commissione mensa nella struttura di via Indipendenza, la giunta pubblica un comunicato stampa che conferma l'episodio e annuncia un confronto con l'azienda appaltatrice