Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 20 Gennaio 2017 12:05
Alta Cucina

Dall’Italia all’Australia: Luca Ciano uno chef stellato made in Buccinasco

Con i suoi consigli, per una sera si mangia stellato e si ritrovano i vecchi amici

Luca Ciano, chef stellato di Buccinasco al top nell’alta ristorazione made in Italy. Luca Ciano, chef stellato di Buccinasco al top nell’alta ristorazione made in Italy.

Da Buccinasco all’Australia e ritorno. È il percorso compiuto da Luca Ciano, chef stellato (ne ha due che brillano nel firmamento della grande cucina italiana) che proprio da Buccinasco è partito per affrontare la più grande sfida della sua vita: raggiungere il top nell’alta ristorazione made in Italy.

Inseguendo un sogno

Ho incontrato Luca per la prima volta venti anni fa a Londra. Io neolaureata alla prima esperienza all’estero mentre lui, sfidando il mito del bamboccione Italiano, lasciata Buccinasco a 18 anni, era già alle prese con i fornelli dei più grandi hotel londinesi. Non potevo desiderare coinquilino migliore, da ogni punto di vista, in poco tempo siamo diventati amici e lui ha mosso i primi passi per diventare un grande chef. Deliziava le nostre serate con piatti semplici che ti facevano sentire a casa ma, per sfortuna del nostro palato, i suoi piani erano molto più grandi di noi: la sua voglia di viaggiare e sperimentare lo hanno portato a girare il mondo, inseguendo i suoi sogni.

Animo di giramondo

Da Londra alle Bermuda, dalla Svizzera, all’Australia e ovviamente all’Italia dove ha lavorato per il pluri stellato “Il luogo di Aimo e Nadia” e dove aveva pensato di un po’ di fermarsi. Ma il suo animo di giramondo lo ha portato oltre. Oltre i confini, oltre l’orizzonte, dall’altra parte del mondo. Nasce infatti nel 2008 la sua collaborazione con Barilla e Luca ancora una volta parte diretto a Sidney per creare e sviluppare “Casa Barilla”, una scuola di cucina rigorosamente Italiana che insegni lo spirito, la passione e il gusto delle nostre tradizioni culinarie. Un progetto che lo ha portato in giro per Australia, Nuova Zelanda e Asia e per il quale ancora oggi offre saltuariamente consulenza.

Le mani in pasta


Dal gennaio 2010 collabora con la BBC GoodFoodMagazine e attualmente è consulente per ristoranti, riviste e aziende italiane in Australia (e in giro per il mondo) cui fornisce una guida e assistenza nelle attività quotidiane.
Come la maggior parte degli chef ha sempre sognato una sua personale linea di prodotti e avendo da sempre avuto “le mani in pasta” la sua prima scelta è stata ovviamente creare una gamma di sughi, dal tradizionale “pomodoro e basilico” al più ricercato “amaretti e zucca” per soddisfare i palati di tutti anche di chi in cucina non ci sa fare granché. La passione di Luca nasce da bambino, quando affiancando mamma e nonna muove i primi passi nella preparazione di piatti, principalmente della tradizione Lombarda, e impara che ogni prodotto ha la sua stagione.

Stagionalità

L’inverno per Luca è la stagione in cui si torna a casa, in cui si prende l’aereo con moglie e figlia e si atterra in Italia per una grande scorpacciata di famiglia. Ed è allora che ai vecchi amici capita di ricevere un invito che annuncia delizie per il palato. Pur vivendo in una città, Sidney, dove per lo più è estate, lui e i suoi piatti rimangono strettamente legati alla stagionalità. Per Luca non hanno senso le fragole a dicembre: costano il doppio e sono dolci la metà. Per le fragole, come diceva mamma Anita, bisogna attendere che sia il loro momento. Così è per tutti gli altri prodotti della terra.

Piatti da vero chef

Per questo motivo dopo aver viaggiato e imparato la cucina internazionale la sua “ultima” grande soddisfazione è un libro di cucina italiana “Luca’s Seasonal Journey” dove gli ingredienti e le stagioni sono le vere star. Il libro di Luca guida il lettore attraverso le stagioni e i prodotti che queste offrono e poco importa se sei un esperto ai fornelli o sei alle prime armi, con i suoi consigli si riesce a trasformare ogni piatto in un piatto da vero chef. Da far gustare anche agli amici, mi raccomando. I prodotti di Luca e il suo libro si possono acquistare tramite il suo sito www.lucaciano.net

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cultura
L'evento
Trezzano indossa l’abito… del Medio Evo

Trezzano indossa l’abito… del Medio Evo

Il Treciano Medio Evo Festival si è acquartierato lungo le rive del Naviglio con accampamento e figuranti in costume

Cultura
L'evento
Dame e cavalieri mettono in scena il Treciano medioevo festival

Dame e cavalieri mettono in scena il Treciano medioevo festival

Dal 15 settembre al 2 ottobre 2017 si terrà la 47ˆedizione dell’Autunno trezzanese che offre una importante rievocazione storica con circa 200 figuranti

Cultura
L'intervista
“Tre ragazzini e il Fato”, l’inno contro il bullismo di Valentina Bufano

“Tre ragazzini e il Fato”, l’inno contro il bullismo di Valentina Bufano

L’autrice trezzanese, vittima di prepotenze, ha raccolto le sue esperienze e le ha trasformate in un romanzo di formazione