Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 06 Aprile 2018 16:19
Le indagini

Riportata in Romania la salma della ciclista uccisa a Buccinasco In evidenza

Gli investigatori avrebbero sequestrato un Porche Cayenne che, secondo alcune testimonianze, avrebbe provocato l’incidente che è costato la vita alla donna

La ciclista che poi con la bici non più controllabile sarebbe finita sotto le ruote del furgone delle consegne La ciclista che poi con la bici non più controllabile sarebbe finita sotto le ruote del furgone delle consegne

Non si sono ancora concluse le indagini per la morte della ciclista investita e uccisa da un furgone delle consegne, lo scorso 22 marzo, in via Lario a Buccinasco (leggi qui). Tre sono le novità. La prima riguarda l’autopsia. Si è conclusa venerdì scorso e subito dopo la salma della donna è stata consegnata ai familiari. Lunedì, gli stessi familiari l’hanno riaccompagnata in Romania da dove la donna, residente a Corsico, era emigrata qualche anno fa.

Il mistero del Porche Cayenne

La terza novità riguarda appunto le indagini. La polizia scientifica, nei giorni scorsi ha messo radici a Buccinasco e per tutta la settimana ha eseguito i rilievi. I tecnici avrebbero sequestrato un Porche Cayenne che, secondo alcune testimonianze avrebbe provocato l’incidente che è costato la vita alla rumena. L’autista, aprendo la portiera avrebbe fatto sbandare la ciclista che poi con la bici non più controllabile sarebbe finita sotto le ruote del furgone delle consegne.

Le indagini dei vigili

Questa versione dei fatti coinciderebbe con quella dell’autista del furgone che subito dopo l’incidente, aveva giurato e spergiurato di non essersi accorto di averla investita. Anzi di averla notata sbandare e poi sparire dalla sua vista. In via Lario erano intervenuti i vigili urbani di Buccinasco che avevano effettuato i primi rilievi per capire la dinamica dello scontro e accertarne le responsabilità.

In attesa di provvedimenti

Sarebbero stati loro a trovare alcuni testimoni che avrebbero indicato il Porche Cayenne come causa scatenante il tragico evento. Al momento, però, oltre all’autista del furgone, iscritto d’ufficio, non risultano esserci altri indagati. È probabile che la settimana prossima, la Procura di Milano decida se chiudere il fascicolo, chiedere un supplemento di indagini, o indicare un nuovo responsabile.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Operazione antidroga
Pusher nascondeva in casa un piccolo tesoro, frutto dello spaccio

Pusher nascondeva in casa un piccolo tesoro, frutto dello spaccio

I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato, B.E, un albanese di 33 anni residente in via dei Gelsi al numero 35

Cronaca
L'interrogatorio
Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Il Giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo e imposto il carcere a Fabrizio Butà, l’assassino del senegalese ucciso sabato scorso a Corsico 

Cronaca
La fine dell'incubo
Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Fabrizio Butà ha confessato di essere il killer Assan Diallo, il senegalese ucciso sabato notte al quartiere Lavagna