Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 21 Marzo 2018 21:37
Il processo

Scambio di voti con la ‘ndrangheta, il pg: confermare la condanna per l’ex assessore

Secondo l’accusa, Domenico Zambetti venne eletto alle regionali del 2010 anche grazie ai voti della 'ndrangheta, voti garantiti dagli uomini di casa Papalia, Morabito e compagnia bella

Nel 2012, l’arresto di Zambetti  portò alla crisi della giunta Formigoni e alla fine anticipata della legislatura regionale Nel 2012, l’arresto di Zambetti portò alla crisi della giunta Formigoni e alla fine anticipata della legislatura regionale

Avevano promesso all’ex assessore regionale Domenico Zambetti, un pacchetto di voti che ne permettessero, nel 2010, l’elezione alla Regione Lombardia. Chi? Esponenti di diversi gruppi mafiosi della 'ndrangheta che ha radici nel milanese. Nomi grossi. Dai Barbaro - Papalia di Buccinasco ai Morabito di Milano, ai Di Grillo di Cuggiono. Poi i loro rappresentanti erano passati all’incasso e preteso dall’uomo politico 200mila euro in contanti.

Voti "garantiti"

Una “bella storia” che val la pena riassumere. Secondo l’accusa, Zambetti venne eletto alle regionali del 2010 anche grazie ai voti della 'ndrangheta, voti garantiti dagli uomini “d’onore di casa Papalia, Morabito e compagnia bella. I giudici dell'Ottava Sezione Penale lo avevano scritto nero su bianco nelle motivazioni della sentenza di primo grado che, lo scorso luglio, portò alla condanna del politico per voto di scambio con la 'ndrangheta, corruzione e concorso esterno in associazione mafiosa.

Prima condanna

Nel 2012, l’arresto di Zambetti  portò alla crisi della giunta Formigoni e alla fine anticipata della legislatura regionale. L'allora assessore alla casa, eletto con 11 mila preferenze, finì in carcere con un'accusa pesantissima: quella di aver versato 200 mila euro in contanti alle cosche della 'ndrangheta per assicurarsi un pacchetto di 4 mila voti garantiti.

L'appello

Chiuso con una condanna a carico di Zambetti di 13 anni e sei mesi il primo processo, in questi giorni davanti alla terza sezione della corte di Appello di Milano si sta celebrando il giudizio di secondo grado. Ieri la requisitoria del Pg Galileo Proietto, secondo il quale: “ Domenico Zambetti ha "consapevolmente" attinto voti dal "bacino della criminalita' organizzata" e ha stretto un "patto" con i referenti delle cosche lombarde che "prevedeva, in cambio di voti, lavoro e appalti".Alla fine della sua arringa, il giudice  ha chiesto la conferma della condanna a 13 anni e mezzo, inflitta in primo grado.

Il tramite

Il sostituto pg ha chiesto poi di confermare le pene anche per Ciro Simonte, condannato a 11 anni di carcere, per Ambrogio Crespi, fratello dell'ex sondaggista di Berlusconi (Luigi), condannato a 12 anni. Chiesti invece 4 anni e 4 mesi per il presunto il boss Eugenio Costantino, il tramite tra le cosche e il politico. Si ritorna in aula il prossimo 16 aprile.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

 

 

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Operazione antidroga
Pusher nascondeva in casa un piccolo tesoro, frutto dello spaccio

Pusher nascondeva in casa un piccolo tesoro, frutto dello spaccio

I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato, B.E, un albanese di 33 anni residente in via dei Gelsi al numero 35

Cronaca
L'interrogatorio
Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Delitto Assiane, parla il Gip: “Il killer deve rimanere in carcere”

Il Giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo e imposto il carcere a Fabrizio Butà, l’assassino del senegalese ucciso sabato scorso a Corsico 

Cronaca
La fine dell'incubo
Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Delitto di Corsico, l’assassino confessa e si costituisce ai carabinieri

Fabrizio Butà ha confessato di essere il killer Assan Diallo, il senegalese ucciso sabato notte al quartiere Lavagna